Fermato il comandante della nave della morte - QdS

Fermato il comandante della nave della morte

redazione

Fermato il comandante della nave della morte

mercoledì 09 Ottobre 2013 - 07:00
Fermato il comandante della nave della morte

Strage di Lampedusa: nuovi sviluppi e altri corpi recuperati dal mare

LAMPEDUSA (AG) – La Procura di Agrigento ha disposto il fermo del presunto scafista del naufragio di Lampedusa in cui sono morti centinaia di migranti. È il tunisino Kaled Bensalam, di 35 anni, indicato da alcuni testimoni come il comandante della nave.
Il provvedimento, che ipotizza anche il reato di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, è stato eseguito dalla Squadra mobile della Questura di Agrigento su disposizione della Procura.
Sono sei i testimoni, tutti eritrei, che identificano l’uomo come uno scafista e la maggior parte di loro lo indicano anche come il capitano dell’ equipaggio, composto da due persone, compreso un giovane che potrebbe essere un minorenne suo connazionale, che non è tra i superstiti. Il tunisino è indiziato, secondo la Procura di Agrigento, anche d’essere lo scafista del barcone che lo scorso 11 aprile portò nell’isola delle Pelagie, altri 250 migranti.
È dunque doppia l’ipotesi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina contestata nei suoi confronti. A suo carico anche l’accusa di procurato naufragio, visto che il tunisino, o chi per lui, avrebbe appiccato il fuoco che ha comportato lo spostamento dei migranti su un lato dell’imbarcazione e dunque l’affondamento. L’uomo è dunque indagato anche per omicidio volontario plurimo continuato perché imbarcando oltre 500 migranti ha accettato il rischio del naufragio.
Nella giornata di ieri, intanto, i sommozzatori hanno recuperato altri 43 corpi dei migranti rimasti intrappolati nel peschereccio affondato giovedì scorso a Lampedusa.
Al momento di andare in stampa il bilancio, ancora provvisorio, della tragedia è di 274 vittime.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684