Nello Musumeci sulla riforma delle Province: una legge incostituzionale - QdS

Nello Musumeci sulla riforma delle Province: una legge incostituzionale

redazione

Nello Musumeci sulla riforma delle Province: una legge incostituzionale

giovedì 06 Marzo 2014 - 18:00
Nello Musumeci sulla riforma delle Province: una legge incostituzionale

Contro il ddl del Governo si scagliano Forza Italia e le liste che le gravitano attorno. Totò Cordaro (Pid) non ha dubbi: "Pressoché certa l'impugnativa del Commissario dello Stato"

Di fatto l’unica voce fuori dal coro contro l’approvazione dell’intero articolato della riforma governativa è quella dei deputati regionali di Forza Italia e delle liste che gli gravitano intorno, come il Pid e la Lista Musumeci. “Oggi si è consumato in aula il penultimo atto di una vicenda legislativa schizofrenica e irragionevole. La finta soppressione delle Province è solo una trovata, inventata per la politica-spettacolo, che serve a Crocetta per fargli dire: come vedete, facciamo sul serio la rivoluzione”. Lo dice Nello Musumeci, dopo il voto d’aula di oggi dell’articolato sulla riforma delle Province e la istituzione delle città metropolitane.
“Una legge incostituzionale, inapplicabile, che toglie il diritto al voto a quattro milioni di siciliani e che rischia di condannare i comuni alla paralisi ed al collasso finanziario – aggiunge – Vedremo in aula martedì, a scrutinio palese nominale, quanti deputati sapranno assumersi la responsabilità di far passare questo mostro giuridico”.
Anche Totò Cordaro, del Pid-Cantiere Popolare- Grande Sud, è d’accordo con il presidente della commissione Antimafia. "Il pasticcio è fatto. Adesso attendiamo di vedere come il presidente dell’Assemblea riuscirà a riordinare, attraverso gli uffici, le decine di contraddizioni normative e logico-giuridiche esistenti nel testo sin qui esitato".
"Al governo regionale diciamo, pertanto, che qualsiasi trionfalismo di oggi potrebbe trasformarsi in una disfatta domani – prosegue – E ciò perché, intanto, la legge deve essere ancora approvata. Ma soprattutto in ragione di una pressoché certa impugnativa da parte del Commissario dello Stato. La sostanza per noi non cambia: è una aberrazione giuridica e il nostro voto sarà comunque contrario".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684