Tagli alla sanità, le Regioni sono disponibili ma trascorsi 4 mesi ridurre di 800 milioni - QdS

Tagli alla sanità, le Regioni sono disponibili ma trascorsi 4 mesi ridurre di 800 milioni

Mariaelena Casaretti

Tagli alla sanità, le Regioni sono disponibili ma trascorsi 4 mesi ridurre di 800 milioni

venerdì 01 Maggio 2015 - 07:00
Tagli alla sanità, le Regioni sono disponibili ma trascorsi 4 mesi ridurre di 800 milioni

Il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino, si rivolge al ministro Beatrice Lorenzin. È saltata la seduta prevista per il 29 aprile a causa del voto di fiducia sull’Italicum

ROMA – Ennesima fumata nera. Salta la seduta prevista per lo scorso 29 aprile e per vedere chiaro sull’intesa fra Stato e Regioni sui tagli alla sanità bisognerà aspettare, almeno, altri sette giorni. Ad annunciarlo il presidente della Conferenza delle Regioni, Sergio Chiamparino: “Il Governo ci ha detto che a causa della concomitanza con il voto di fiducia sull’Italicum non è possibile riunire la Stato-Regioni. Fra le Regioni – ha spiegato Chiamparino – mi pare che ci sia pieno accordo e piena disponibilità a firmare, con l’eccezione del Veneto che aveva dichiarato molto chiaramente la sua posizione contraria”.
Sul versante del Governo, arrivano, invece, come un fulmine a ciel sereno le dichiarazioni del ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, rilasciate nei giorni scorsi al Sole24Ore – Sanità e che sembrano smentire un accordo su diversi punti dell’intesa. “Mi sembrano osservazioni strane – ha osservato Chiamparino – perché il ministro da una parte dà mandato ai suoi tecnici di stilare un documento condiviso, e poi nelle interviste dichiara che il documento non va bene. Credo che dovrebbe mettersi d’accordo con se stessa. Ho sentito personalmente il ministro Lorenzin e i suoi collaboratori più stretti che mi hanno aggiornato sullo stato di avanzamento dei lavori. Non mi era stata espressa alcuna ragione di contrarietà. Anzi mi è stata ribadita la volontà di arrivare all’intesa più in fretta possibile, anche perché sa benissimo che più tempo passa più è difficile realizzare la manovra integralmente”.
Sui tempi, il presidente della Conferenza delle Regioni, lancia un messaggio inequivocabile al Governo: “Non posso non constatare che la manovra pensata su base annua quanto più tempo passa tanto più diventa difficile da attuare nella sua interezza e quindi va evidentemente prevista qualche revisione o una forma di alleggerimento della stessa. Non amo fare il processo alle intenzioni e non ho elementi per farlo – ha sottolineato Chiamparino, ma sono già passati 4 mesi e il taglio previsto si dovrebbe ridurre di un terzo e quindi di almeno 800 milioni. I conti li sappiamo fare tutti. Noi siamo pronti a firmare a prescindere dalle appartenenze politiche, anche quelli che hanno dubbi. L’unica cosa che posso fare è quindi ricordare la nostra disponibilità e ribadire, ancora una volta, che il tempo non è una variabile indipendente”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684