Tagli deputati Ars, la denuncia di Gian Antonio Stella - QdS

Tagli deputati Ars, la denuncia di Gian Antonio Stella

Roberto Quartarone

Tagli deputati Ars, la denuncia di Gian Antonio Stella

mercoledì 13 Giugno 2012 - 02:00

Il giornalista del Corsera scrive delle elezioni anticipate. “Nella prossima legislatura saranno sempre 90”

PALERMO – Anche Gian Antonio Stella si occupa di una questione che il QdS ha messo in luce più volte: il taglio da 90 a 70 parlamentari regionali, approvato il 7 dicembre 2011 dall’Ars e presentato come una grande innovazione politica, salterà per la prossima legislatura nel momento in cui si andrà a elezioni anticipate.
La pagina dedicata sull’argomento sul Corriere della sera, il giornalista veneto ha scelto di passare in rassegna le dichiarazioni trionfalistiche rilasciate dai politici regionali alla fine dello scorso anno, a partire dal presidente Raffaele Lombardo. Da contraltare, tuttavia, ha fatto il loro comportamento dopo l’approvazione del Senato della Repubblica della prima deliberazione per cambiare lo Statuto regionale, il 18 aprile scorso.
Ed è così che quattro ore dopo le prime notizie sul voto, Lombardo ha anticipato l’intenzione di andare ad elezioni anticipate, vanificando di fatto la riforma per la prossima legislatura regionale. Affossata ulteriormente dalle ultime iniziative come la sfiducia contro il presidente.
Le ultime dichiarazioni, come il tweet del presidente dell’Ars Francesco Cascio (“Sono certo che Lombardo manterrà la parola data sulle dimissioni, e non sarà necessaria la sfiducia”) confermano che venti parlamentari manterranno il loro posto per altri cinque anni, aumentando “il discredito nei confronti di una classe dirigente che non ha la capacità di governare la Sicilia ma usa tutti i mezzi per salvaguardare la propria poltrona”, parole del deputato Pd Giovanni Barbagallo riprese proprio da Stella.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684