Trapani - Lavoro, la sicurezza è un optional - QdS

Trapani – Lavoro, la sicurezza è un optional

Vincenza Grimaudo

Trapani – Lavoro, la sicurezza è un optional

sabato 22 Settembre 2012 - 04:00

Prevenzione nel settore edile: il “tavolo” predisposto in Prefettura non si riunisce da un anno. Gravi incidenti nei cantieri. I sindacati denunciano: “Istituzioni assenti”

ALCAMO (TP) – “Poca sicurezza, legalità, attività di prevenzione e diritti per chi lavora nel settore delle costruzioni.” A denunciare la difficile realtà delle condizioni di lavoro all’interno dei cantieri edili è la Fillea Cgil di Trapani che, dopo l’ennesimo incidente sul lavoro, avvenuto nei giorni scorsi in un cantiere di Alcamo in cui ha perso la vita l’operaio Giuseppe Buturo, interviene sulle questioni legate alla sicurezza e alla legalità nei luoghi di lavoro e sulle responsabilità delle Istituzioni. Per il segretario provinciale della Fillea Cgil Franco Colomba, “al di là delle responsabilità singole o plurime che hanno causato l’incidente, esistono responsabilità collettive che gli fanno da cornice e che sono riconducibili alle Istituzioni che non pongono adeguata attenzione nei confronti dei problemi e delle emergenze presenti sul territorio”.
La Fillea Cgil evidenzia, ancora una volta, la mancata convocazione da parte della Prefettura di Trapani del tavolo costituito nell’ambito del “protocollo di legalità per lo sviluppo, l’occupazione e la sicurezza nei cantieri”, che, nonostante le richieste inviate al prefetto Marilisa Magno, non si riunisce da oltre un anno. A ciò, per il sindacato, va anche aggiunta la “mancata attuazione di quanto previsto dal protocollo per lo sviluppo, l’occupazione e la sicurezza nei cantieri edili sottoscritto nel 2009 in Prefettura dalla maggior parte dei Comuni del territorio trapanese che, come stabilito nell’intesa, avrebbero dovuto attivare i controlli e impegnare le direzioni lavori nel compito di vigilanza periodica nei cantieri per assicurare il rispetto della sicurezza e della legalità”.
“In una fase di grave crisi economica – afferma Colomba – l’attenzione da parte delle Istituzioni dovrebbe essere costante affinché non solo l’ispettorato al lavoro ma le Pubbliche Amministrazioni e i direttori dei lavori esercitino i controlli poiché una parte delle aziende si impone sul mercato illegalmente attraverso la riduzione dei costi della messa in regola dei dipendenti, con l’evasione contributiva e fiscale e azzerando i costi per la prevenzione e la sicurezza a discapito dei lavoratori”. Per la Fillea Cgil è, dunque, “indispensabile ripartire da una politica per la sicurezza e la legalità attivando gli strumenti già individuati nel protocollo, siglato dalla Prefettura, dai Comuni del territorio e dai sindacati confederali, per garantire migliori condizioni di lavoro all’interno dei cantieri ed evitare il riproporsi di incidenti sul lavoro, determinati da precise responsabilità e mancanze”.

I casi in provincia. Un’impennata di infortuni nel corso degli ultimi mesi

TRAPANI – Se la prima parte dell’anno era stata abbastanza tranquilla in provincia nell’ambito degli incidenti nei luoghi di lavoro, negli ultimi mesi invece c’è stata un’impennata preoccupante. Soltanto in queste ultime settimane sono morti due operai alcamesi: uno in un cantiere di Fulgatore, l’altro nella cittadina di Alcamo. A giugno un fabbro romeno di 38 anni, sposato e padre di due figli, è morto a Custonaci in un incidente verificatosi all’interno della sua officina. L’uomo era intento a saldare una tanica quando è esplosa la bombola collegata alla fiamma ossidrica. La deflagrazione ha investito il fabbro in pieno, uccidendolo. E sempre giugno un altro alcamese, Gregorio Messana, operaio della ditta Sormec che costruisce gru, ha rischiato la vita riportando gravi traumi dopo che è stato investito da un braccio meccanico precipitato al suolo per il cedimento della base.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684