Pedofilia online: inchiesta della Procura di Catania - QdS

Pedofilia online: inchiesta della Procura di Catania

redazione

Pedofilia online: inchiesta della Procura di Catania

giovedì 07 Marzo 2013 - 15:00
Pedofilia online: inchiesta della Procura di Catania

Quattro persone arrestate e altre nove indagate: è il bilancio dell'inchiesta 'Abuse' contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet

CATANIA – Quattro persone arrestate e altre nove indagate: è il bilancio dell’inchiesta ‘Abuse’ contro la divulgazione di video pedo-pornografici su Internet della Procura distrettuale di Catania. La polizia postale del capoluogo etneo, durante perquisizioni domiciliari disposte dal procuratore aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi, ha arrestato, perché colti in flagranza di reato, un 51enne a Catania, un 41enne a Siracusa, un 54enne, recidivo, a Livorno, e un 41enne a Mantova.
L’operazione scaturisce da una collaborazione tra la polizia italiana e quella tedesca, ed ha riguardato il contrasto della divulgazione di materiale pedo-pornografico su Internet tramite il programma eDonkey2000. In particolare, tra la fine del 2011 e l’inizio del 2012 gli indagati avrebbero divulgato alcuni video di pornografia infantile. Il coordinamento e lo scambio di informazioni è avvenuto tramite il Centro nazionale di contrasto della pedo-pornografia on-line (Cncpo) della Polizia postale di Roma. Le città siciliane interessate dalle perquisizioni sono state: Catania, Siracusa, Palermo e Messina.
I quattro arresti sono stati eseguiti, durante perquisizioni, perché gli indagati sono stati colti dalla polizia postale in flagranza di reato.
Il 51enne catanese è un impiegato pubblico, sposato con figli maggiorenni, che è stato sorpreso in possesso di 15 Dvd contenenti filmati di pornografia infantile che stava per divulgare su Internet.
Sono operai ‘single’ il 41enne arrestato a Siracusa, che aveva oltre 10mila filmati pedopornografici, e un 54enne bloccato a Livorno. Quest’ultimo è considerato dalla polizia postale un ‘recidivo’ perché in passato già denunciato per lo stesso reato. Il 41enne arrestato a Mantova è un operaio, sposato, con figli maggiorenni, che è stato trovato in possesso di circa 10mila file pedopornografici.
Le indagini della polizia postale di Catania e di quella tedesca sono state coordinate dal procuratore capo Giovanni Salvi, dall’aggiunto Marisa Scavo e dal sostituto Laura Garufi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684