Antonio Ingroia abbandona la magistratura - QdS

Antonio Ingroia abbandona la magistratura

redazione

Antonio Ingroia abbandona la magistratura

sabato 15 Giugno 2013 - 14:00

Notizia subito dopo il provvedimento del Csm su Messineo. Il procuratore capo di Aosta: “Scelta inevitabile”

AOSTA – “Avendo lui continuato a far attività politica credo che la situazione sia obbligata”.
Così il procuratore capo di Aosta Marilinda Mineccia ha commentato l’annuncio di Antonio Ingroia di voler abbandonare la magistratura. “Mi aspettavo questa decisione – ha aggiunto il procuratore – in considerazione degli ultimi sviluppi, Ingroia é stato qui e mi aveva detto che avrebbe fatto un passo indietro rispetto alla politica poi ha incominciato di nuovo a far politica tanto che ho dovuto fare una segnalazione”. Entro giovedì prossimo Antonio Ingroia, infatti, sarà ad Aosta “per salutare i colleghi e per restituire le chiavi del suo ufficio”. Ingroia è in ferie fino al 20 giugno, dopo aver preso servizio ad Aosta il 15 maggio scorso: “Qui è stato accolto più che bene da tutti – ha aggiunto il procuratore capo di Aosta – e ovviamente avrebbe lavorato in modo analogo a tutti gli altri sostituti, noi siamo molto uniti e le nostre decisioni vengono metodologicamente condivise e discusse”.
Intanto dal Consiglio superiore della magistratura giunge una seria critica: “Ingroia ha danneggiato la magistratura e la credibilità di quello che ha fatto prima”.
Il severo giudizio sull’ex pm di Palermo che ha scelto la politica è del consigliere del Csm Vittorio Borraccetti, esponente di Magistratura democratica, la corrente nella quale ha a lungo ‘militato’ anche Ingroia. Borraccetti definisce “inaccettabili” le accuse di Ingroia al Csm di averlo punito per le sue inchieste: “Nessuno lo ha punito, né ha ostacolato l’indagine sulla trattativa”, ha dichiarato.
Molte le polemiche anche dal mondo politico. “L’abbandono della toga da parte del dott. Ingroia in questo momento appare quanto mai sospetto” ha dichiarato Jole Santelli del Pdl riferendosi alla questione sollevata dallo stesso Csm in questi giorni sul fatto che il procuratore Messineo era condizionato dal suo aggiunto Ingroia. “I medesimi fatti – aggiunge la Santelli – , hanno portato due settimane fa ad una sentenza di condanna nei confronti del giornalista Andrea Marcenaro e del direttore di Panorama Giorgio Mulé”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684