Sindacati: il Comune di Palermo ferma la stabilizzazione dei precari, protesta a Orlando su operato dirigenti - QdS

Sindacati: il Comune di Palermo ferma la stabilizzazione dei precari, protesta a Orlando su operato dirigenti

Sindacati: il Comune di Palermo ferma la stabilizzazione dei precari, protesta a Orlando su operato dirigenti

sabato 07 Luglio 2018 - 00:00
"Il Comune di Palermo ferma la stabilizzazione dei precari".
Lo sostengono Lillo Sanfratello (Cgil Fp), Mario Basile e Salvatore Lo Gelfo (Cisl Fp), Nicola Scaglione (Csa), Salvatore Sampino e Ilio Martines (Uil Fpl).
I sindacati hanno inviato una nota al sindaco Leoluca Orlando, denunciando che "i vertici comunali hanno annunciato la decisione di non utilizzare il D.lgs.75/2017 per i percorsi di stabilizzazione, senza dare alcuna motivazione".
Le sigle sindacali sottolineano anche come "nessuna certezza sia stata fornita anche sulle eventuali proroghe dei contratti a tempo determinato, i primi dei quali sono in scadenza a partire dal dicembre 2018".
"La situazione – aggiungono Sanfratello, Basile, Lo Gelfo, Scaglione, Sampino e Martines – è molto più grave alla luce delle scadenze che la città si trova ad affrontare nell’immediato, già a partire dalla prossima festività della Santa Patrona del 15 luglio, alla visita del Santo Padre prevista per il 15 settembre ed a tutte le iniziative della ‘capitale italiana della cultura’ che sono in programmazione entro il 2018, sulle quali pende la grave incertezza sulla garanzia dei servizi".
Per i sindacati, il probabile slittamento dell’approvazione del bilancio di previsione del Comune mette a rischio il futuro dei lavoratori e rischia di arrecare gravi disagi alla cittadinanza.
"Il Comune ha scelto di far ricadere unicamente sulle spalle dei dipendenti responsabilità altrui – proseguono i sindacalisti – come dimostra la decisione di fermare l’applicazione di alcuni istituti contrattuali, per evitare possibili danni erariali conseguenti ai rilievi del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Oggi si gioca sulla pelle dei lavoratori a tempo determinato, lasciati nella totale insicurezza".
I sindacati hanno proclamato lo stato di agitazione di tutto il personale comunale, "preso atto dello stallo delle trattative e del grave danno per i lavoratori e per i servizi ai cittadini".

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684