Palermo - Partecipate: tagli ed efficienza - QdS

Palermo – Partecipate: tagli ed efficienza

redazione

Palermo – Partecipate: tagli ed efficienza

mercoledì 11 Settembre 2013 - 07:00
Palermo – Partecipate: tagli ed efficienza

Società passate ai raggi X per evitare spese inutili e garantire ai cittadini servizi degni di questo nome. Gli obiettivi principali della rivoluzione pensata dal sindaco di Palermo, Orlando

PALERMO – Una rivoluzione per le società partecipate, con l’obiettivo di garantire una maggiore efficienza, un taglio dei costi inutili e servizi degni di questo nome ai cittadini del capoluogo. Con questi obiettivi l’amministrazione comunale guidata da Leoluca Orlando ha incontrato i vertici delle società partecipate.
In particolare il sindaco, accompagnato dagli assessori Lapiana, Abbonato, Barbera e Giuffrè – nonché dal segretario generale dal capo di gabinetto e dai capi area al personale e alle partecipate – ha voluto confrontarsi con i presidenti di tutte le società partecipate dal Comune (Amat, Amap, Amg, Sispi, Rap, Gesip e Palermo Ambiente).
Il sindaco ha voluto fornire indicazioni sul complessivo orientamento politico e amministrativo della Giunta rispetto alla gestione delle società "che dovranno rispondere a un’unica regia, superando la logica del passato basata su compartimenti stagni e spese senza controllo".
Le società dovranno inoltre tenere presente l’esigenza della qualità dei servizi resi ai cittadini con riferimento al fatto che il socio finanziatore è sempre lo stesso "e che quindi è indispensabile una riorganizzazione in tal senso delle spese, con la razionalizzazione, il coordinamento e l’unificazione dei servizi, delle manutenzioni, degli acquisti".
Il sindaco ha ricordato a tutti le indicazioni fornite dalla Corte dei Conti nel recente giudizio sui bilanci 2009-2011 e ha sottolineato l’opportunità, per una razionalizzazione dell’organizzazione dei costi e del personale, offerta dal recente Decreto del 31 agosto che permette la mobilità del personale fra le partecipate.
"Sarà questa – ha concluso il primo cittadino – la filosofia cui si orienteranno tutti i futuri atti dell’amministrazione a partire dai nuovi Contratti di servizio".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684