Catania - Formazione: fatture gonfiate truffa da 9 mln di euro, 52 indagati - QdS

Catania – Formazione: fatture gonfiate truffa da 9 mln di euro, 52 indagati

Margherita Montalto

Catania – Formazione: fatture gonfiate truffa da 9 mln di euro, 52 indagati

martedì 15 Ottobre 2013 - 07:00
Catania – Formazione: fatture gonfiate truffa da 9 mln di euro, 52 indagati

L’operazione “Pandora” smaschera le furberie di quattro enti

CATANIA – Un’associazione a delinquere, “a conduzione familiare”, finalizzata all’appropriazione e all’indebita percezione di contributi pubblici e comunitari, destinati alla formazione professionale, è stata oggetto dell’“Operazione Pandora”, l’attività di indagine del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania che ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare e contestuale sequestro preventivo per equivalente emessa dal Gip su richiesta della Procura della Repubblica.
Gli Enti coinvolti sono: Anfe provinciale (Associazione nazionale famiglie emigrati), Iraps (Istituto di ricerche e applicazioni psicologiche e sociologiche), Anfes (Associazione nazionale famiglie emigrati siciliani) e Issvir (Istruzione, servizi, sport, volontariato italiano e regionale).
I denunciati sono 52, per vario titolo: peculato, truffa, corruzione, falso e frode fiscale. L’indebita percezione è pari a 9 milioni di euro sul totale dei circa 58 milioni ricevuti complessivamente dagli enti di formazione nel periodo 2005-2010 per l’organizzazione e realizzazione di 112 corsi di formazione; sequestro preventivo di beni per circa 3.700.000,00 euro; emesse 10 ordinanze di custodia cautelare.
Indagato un funzionario della Regione Siciliana, in servizio all’Ispettorato provinciale del Lavoro di Catania, che ha operato violando le norme che governano l’attività di controllo della rendicontazione, ottenendo in cambio il conferimento di incarichi ai propri congiunti in alcuni degli enti interessati dalle indagini. I sistemi di frode venivano attivati a partire da materiale di cancelleria e informatico acquistato da società compiacenti che sovrafatturavano le forniture delle quali poi gli Enti producevano, raggirando la Regione Siciliana, preventivi di spesa falsi. In più imprese compiacenti o di comodo emettevano fatture per servizi di pulizia, manutenzione e altro, di fatto svolti dal personale interno dell’Ente.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684