Polizia: arresti in Sicilia per traffico di droga, estorsioni e detenzione d'armi - QdS

Polizia: arresti in Sicilia per traffico di droga, estorsioni e detenzione d’armi

Polizia: arresti in Sicilia per traffico di droga, estorsioni e detenzione d’armi

venerdì 08 Febbraio 2019 - 00:00
La Polizia di Stato di Siracusa, su delega della Direzione Distrettuale Antimafia di Catania, ha eseguito alcune ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti di soggetti accusati, a vario titolo, dei reati di associazione finalizzata al traffico di droga, tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso, porto e detenzione illegale di armi ed estorsione aggravata dal metodo mafioso e dalla finalità di agevolare il clan Trigila.
Le indagini che hanno portato all’operazione denominata "Vecchia Maniera" sono state condotte dai poliziotti della Squadra Mobile con la collaborazione delle Questure di Milano, Novara e Messina.
Per imporre a un’azienda agricola di Rosolini l’acquisto delle pedane in legno prodotte nella fabbrica della famiglia Trigila, si era scomodata Nunziatina Bianca, la moglie del boss Antonio Trigila, detto "Pinuccio Pinnintula".
E’ questo uno de passaggi contenuti nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip di Catania Loredana Pezzino, su richiesta del pm della Direzione distrettuale antimafia, Alessandro Sorrentino, che ha coordinato le indagini della polizia. Il gruppo criminale era guidato da Angelo Monaco, tornato in libertà il 25 agosto 2016. Monaco – come spiegato dagli investigatori – aveva deciso non di investire capitali illeciti in attività lecite, ma di "ricalcare un modello delinquenziale di tipo tradizionale, puntando su attività quali il traffico di droga e le estorsioni ai danni delle imprese".
Monaco, affiancato dalla moglie Elisabetta Di Mari e dall’uomo di fiducia, Pietro Crescimone, avrebbe fatto arrivare nella provincia aretusea ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti. Il 28 febbraio 2017, proveniente da Villa San Giovanni, il figlio della Di Mari era stato trovato in possesso di un chilo di cocaina, nascosto nella portiera del veicolo su cui viaggiava; nella notte tra il 21 e il 22 maggio 2017, Monaco e Crescimone erano stati arrestati a Villa S. Giovanni perché trovati in possesso di circa 71 chili di hashish nascosti a bordo del furgone su cui viaggiavano.
I due si erano riforniti a Milano. Parallelamente gli investigatori hanno individuato una seconda associazione per delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, composta da marocchini con base operativa a Milano e ramificazioni a Messina e Novara, in grado di far giungere sul territorio nazionale rilevanti quantitativi di sostanza stupefacente, che venivano ceduti a vari acquirenti tra cui Monaco.
La droga gestita dal clan di Noto veniva da un gruppo criminale con sede a Milano.
I "grossisti" erano cittadini marocchini, tra cui Hamid Aliani e Said Lemaifi, coinvolti nell’indagine siciliana. La banda aveva la base operativa a Milano e collegamenti a Messina e Novara. Ma era anche al centro di una rete di contatti con il Marocco da dove venivano importati ingenti quantitativi di stupefacenti. La "merce" veniva poi ceduta a "concessionari" in tutta Italia che la immettevano nel mercato al dettaglio.
Uno dei filoni di diffusione della droga arrivava al gruppo capeggiato da Angelo Monaco. In un caso, tra il 21 e il 22 maggio 2017, Monaco era stato fermato con Pietro Crescimone a Reggio Calabria: con un furgone stavano trasportando 71 chili di hascish acquisita a Milano dal gruppo dei trafficanti marocchini.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684