Mafia: due arresti a Mazara per favoreggiamento di un imprenditore delle scommesse online - QdS

Mafia: due arresti a Mazara per favoreggiamento di un imprenditore delle scommesse online

Mafia: due arresti a Mazara per favoreggiamento di un imprenditore delle scommesse online

venerdì 15 Marzo 2019 - 00:00
I Carabinieri del Comando Provinciale di Trapani e della Compagnia di Mazara hanno arrestato due persone coinvolte nell’inchiesta denominata Mafia Bet che, il 22 febbraio scorso, ha portato al fermo per mafia di Calogero Luppino, re delle scommesse online, e di due imprenditori trapanesi, Giacomo Barbera e Salvatore Giorgi.
Oggi sono finiti in manette Giacomo Barbera e Paolo De Santo, accusati di favoreggiamento. Barbera, già condannato definitivamente per il tentato omicidio del capo famiglia di Campobello di Mazara, Nuncio Spezia, su input dell’anziano capo mafia Natale Ala, era uomo a disposizione del clan mafioso di Campobello di Mazara.
Su ordine di Luppino, secondo gli inquirenti, avrebbe "bonificato" i suoi uffici alla ricerca di microspie.
La sua disponibilità era stata retribuita attraverso una consistente somma di denaro, date le difficoltà economiche in cui versava.
Del Santo, invece, avrebbe consentito le comunicazioni tra Luppino e il boss omonimo Franco Luppino che era detenuto e la moglie.
De Santo andava mensilmente da Calogero Luppino a battere cassa per avere il denaro per la famiglia del boss.
Luppino, in più di una occasione, si sarebbe lamentato invitandolo a raccomandare ai suoi interlocutori minore insistenza nelle richieste di soldi, temendo che gli inquirenti potessero ricollegarlo al capomafia detenuto.
Dalle indagini è emerso anche che Luppino e De Santo auspicavano la scarcerazione del capomafia, che, a dir loro, avrebbe ripristinato l&rsquoordine mafioso nella zona. I carabinieri hanno inoltre notificato, presso gli istituti penitenziari in cui sono detenuti, l’ordinanza per rinnovare la misura cautelare, emessa dal Gip del Tribunale di Palermo, per i tre primi arrestati.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684