Verde urbano, miraggio di Sicilia - QdS

Verde urbano, miraggio di Sicilia

redazione

Verde urbano, miraggio di Sicilia

mercoledì 15 Gennaio 2014 - 18:00
Verde urbano, miraggio di Sicilia

Interpellanza della pattuglia Cinquestelle della commissione Ambiente a Montecitorio per conoscere lo stato di avanzamento della legge per l'incremento del verde urbano a un anno di distanza dalla sua approvazione. Preoccupazione per la situazione siciiana.   

I sindaci siciliani non amano il verde urbano. Lo abbiamo scritto nell’inchiesta dello scorso 12 novembre “Comuni grigi tra asfalto e smog” e possiamo ribadirlo anche oggi in seguito all’interpellanza presentata dalla pattuglia del M5S della commissione Ambiente alla Camera in occasione del primo anno di esistenza della legge 10/2013 “Norme per lo sviluppo di spazi verdi urbani” del 14 Gennaio 2013, che costituisce un tassello determinante per la promozione della cultura del verde e il rispetto della natura nei contesti urbani.
La richiesta della pattuglia stellata, si legge in una nota diffusa dall’ufficio stampa, è rivolta al ministro dell’Ambiente Orlando e chiede di conoscere le modalità e l’effettivo avanzamento dell’azione del Comitato per lo sviluppo del verde pubblico, istituito con la stessa legge 10, che deve procerdere alla raccolta delle informazioni sulle dotazioni urbanistiche dei Comuni italiani, da inserire in una apposita relazione che il Comitato deve trasmettere alle Camere entro il 30 maggio.
In particolar modo l’attenzione di Claudia Mannino, deputata palermitana, si concentra sulla conoscenza della realtà siciliana “dove la situazione è tragica”. Lo stato dell’arte è realmente preoccupante. Siracusa, Messina, Catania e Palermo hanno una superficie di verde pubblico sul totale del territorio comunale inferiore al 5%, piazzandosi di diritto tra le città meno verdi d’Italia. Particolarmente dolente è anche l’avanzamento dell’approvazione dei piani urbani che concernono la gestione e la promozione del verde pubblico. In questa inchiesta trovate il quadro completo della situazione nei comuni siciliani.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684