Amsterdam: città non solo libera e giovane ma anche elegante, romantica e colta - QdS

Amsterdam: città non solo libera e giovane ma anche elegante, romantica e colta

Nicoletta Fontana

Amsterdam: città non solo libera e giovane ma anche elegante, romantica e colta

venerdì 29 Novembre 2013 - 00:00
Amsterdam: città non solo libera e giovane ma anche elegante, romantica e colta

La Venezia del Nord Europa è una capitale per tutti i gusti e tutte le stagioni. Imperdibile un giro in battello nei suoi canali

Questa piccola Venezia del Nord Europa si presenta come una città assolutamente giovane, libera, elegante, romantica e colta.
Libertà: la sua libertà è chiaramente evidente e lo dimostra un quartiere a luci rosse open air, come i suoi numerosi coffe shop che attirano giovani turisti da tutto il mondo.
Ma solo un occhio più ardito riuscirà a cogliere la libertà intrinseca degli abitanti di Amsterdam guardando semplicemente le loro case. Case senza tende, in cui all’interno si muovono con estrema nonchalance i loro proprietari, certi che i numerosi passanti vi butteranno l’occhio.
Molti per altro, per attirare maggiormente l’attenzione addobbano le loro finestre con collezioni stravaganti fatti di gadget di ogni sorta, dai piccoli angeli, a statuette con nanetti un po osè, fino a collezioni di santi. Vetrine di case che si mescolano a vetrine di negozi soprattutto nel quartiere più bello di questa città : il Jordan.
Questo luogo si trova attorno alla Westerkerk e pullula di negozietti uno più particolare dell’altro. Viuzza dopo viuzza si incontrano shops veramente carini che vendono dai vestiti vintage, designer ultra contemporanei, librerie di alto livello e delicatessen di ogni sorta. E’ veramente magico passeggiare in questo luogo che ospita anche tanti ristorantini e bar molto trendy e accoglienti e non ultimo il Museo di Anna Frank.
Eleganza: la via dello shopping più esclusivo si chiama PC Hoofstraat che possiamo paragonare alla nostra milanese Montenapoleone, ma forse un po’ più sobria e sottotono. Qui i più famosi brand della moda fanno sfoggio di sé e attirano quella clientela che ancora non riesce a staccarsi dalla griffe.
Romantica: lungo i tanti canali attraversati da ponticelli gli scorci sono veramente romantici, le case di mattoncini si riflettono sull’acqua, come i tramonti rossi, mentre le barche passano in silenzio muovendo gli immacolati specchi d’acqua. La sensazione è di calma assoluta dove solo il rumore delle pedalate interrompe un silenzio quasi meditativo.
Colta: l’area dei musei è un vero e proprio quartiere all’insegna dell’arte. Il museo di Van Gogh è tappa obbligata per ogni turista che approda in questa città.
I suoi autoritratti e i famosi girasoli rendono la visita immancabile.
Di fronte il Rijksmuseum, che custodisce la famosa "Ronda di notte" di Rembrandt, offre una estesa panoramica sull’arte olandese, dalle prime pale medievali ai capolavori, imperdibile!
Lo Stedelijik Museum è il museo d’arte contemporanea che ospita opere che vanno dal 1850 ai giorni nostri. Straordinaria la struttura ultra contemporanea che si appoggia al vecchio edificio disegnata dallo studio di architetti Benthem Crouwel Architects.
Qui è anche piacevole fermarsi per il pranzo, il ristorante a vetrate permette di avere una bellissima vista sul parco esterno.
Ma ad Amsterdam non non possiamo sottrarci di visitare Piazza Dam, che rappresenta il cuore della città. Un via vai di turisti si fa immortalare davanti al palazzo reale e la Chiesa Nuova (Nieuwe Kerk) e poi subito di fronte il Museo delle Cere di Madame Tussauds.
Il mercato galleggiante dei fiori, va visitato come vuole la tradizione, si potranno acquistare i bulbi di tulipani e i tanti souvenir di cui sono piene le bancarelle. Le vostre borse si riempiranno di zoccoli, mulini a vento, casette in ceramica e delle immancabili forme di formaggi locali: il Gouda e l’Edam. Altra meta da non perdere è il Vondelpark, per passare un po’ di tempo nel parco più grande di Amsterdam, che prende il nome da un famoso poeta olandese.
Il miglior modo per salutare questa città è farlo attraversando i canali con i battelli. Le escursioni in barca toccano anche il porto cittadino, dietro la stazione dei treni, altrimenti difficili da visitare.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684