Stato-Mafia, S.Borsellino: "Paolo aveva capito c'era trattativa" - QdS

Stato-Mafia, S.Borsellino: “Paolo aveva capito c’era trattativa”

redazione

Stato-Mafia, S.Borsellino: “Paolo aveva capito c’era trattativa”

venerdì 07 Febbraio 2014 - 18:10

Il fondatore del movimento "Agende Rosse" ha partecipato al convegno di Lamezia Terme sulla strage di via D'Amelio.

"Paolo ha continuato a servire lo Stato pur sapendo la fine che lo aspettava. Ha affrontato la morte con coraggio, a testa alta. Lo Stato ha trattato con la mafia e questo Paolo l’aveva capito.
Quando gli è stato chiesto di abbandonare le indagini sulla strage di Capaci, si è rifiutato energicamente, allora non restava altro che eliminarlo".

Lo ha detto, è scritto in una nota, Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo ucciso insieme alla scorta il 19 luglio 1992 a Palermo.
Il fondatore del movimento "Agende Rosse" ha partecipato al convegno organizzato dal liceo "Campanella" di Lamezia Terme sulla strage di via D’Amelio.

"Quel 19 luglio 1992 – ha raccontato agli studenti – è stata fatta sparire anche l’agenda rossa su cui mio fratello Paolo annotava tutto, in quelle pagine c’era tutta la sua attività investigativa".

"La seconda Repubblica – ha proseguito – ha le fondamenta bagnate di sangue. Forse un giorno gli autori della trattativa Stato-mafia saranno assolti perché il fatto non costituisce reato. Quel giorno spero proprio di non esserci".

L’iniziativa è stata organizzata all’Osservatorio Falcone – Borsellino – Scopelliti presieduto da Carlo Mellea ed è stata patrocinata dal Consiglio regionale della Calabria.

Il presidente del Consiglio regionale Francesco Talarico ha definito utilissima l’iniziativa al Campanella. "In Calabria è difficile fare tutto – ha commentato – ma noi non ci dobbiamo perdere d’animo. La cultura dà libertà".

Rivolgendosi ai ragazzi, Talarico ha detto: "Non guardate con diffidenza alla politica, la società è vostra. Voi dovete essere protagonisti del cambiamento".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684