Catania - Mercato coperto e scuola Capponi due grandi vergogne di Picanello - QdS

Catania – Mercato coperto e scuola Capponi due grandi vergogne di Picanello

Melania Tanteri

Catania – Mercato coperto e scuola Capponi due grandi vergogne di Picanello

martedì 18 Febbraio 2014 - 06:30
Catania – Mercato coperto e scuola Capponi due grandi vergogne di Picanello

Operatori commerciali costretti a lavorare in una vicina ‘baraccopoli’. Due plessi in balia dei vandali. Un sopralluogo itinerante fa emergere le criticità del quartiere, ancora irrisolte

CATANIA – Incompiute e simboli di degrado da recuperare, non solo a livello simbolico. Dopo il quartiere di Librino, esaminato nelle scorse settimane, la commissione consiliare permanente ai Lavori pubblici, presieduta dal consigiere di maggioranza, Niccolò Notarbartolo, ha effettuato un sopralluoco a Picanello, quartiere popolare della zona orientale della città, evidenizando la necessità che l’amministrazione Bianco metta in programma azioni di recupero e valorizzazione, in particolar, di due grosse strutture attualmente inutilizzate che potrebbero essere restituite alla collettività anziché rappresentare simbolo di inefficienza e abbandono. Le due fotografie delle incompiute lasciate dalle ultime amministrazioni comunali sono il mercato coperto di via Spoto e i due plessi che ospitavano la scuola Capponi, in via Villaglori.
“Il degrado e l’abbandono sono inaccettabili in un quartiere popoloso e vivo ma che ha delle situazioni di disagio socio-economico come Picanello – ha sottolineato il presidente Notarbartolo. Compito del Comune di Catania – ha proseguito – sarebbe quello di aiutare il quartiere a risollevarsi, per questo chiediamo all’attuale Giunta di porre rimedio al colpevole e gravissimo disinteresse delle passate amministrazioni, per il bene di chi vive e lavora nel quartiere”.
Un sopralluogo itinerante, quello della commissione Lavori Pubblici, dunque, organizzato per raccogliere e segnalare all’amminstrazione comunale quello che la cittadinanza della zona, insieme al Consiglio di quartiere, considerano ciò da cui si dovrebbe partire per una rigenerazione del rione. A cominciare da quel mercato coperto che, da anni, è sottoutilizzato, nonostante le richieste della cittadinanza. Dopo la chiusura di qualche anno fa, infatti, sono stati avviati i lavori di ristrutturazione, anche se questi procedono a rilento e il recupero della struttura non è stato ancora completato. “I lavori di ristrutturazione sono stati avviati anni fa ma mai completati – ha evidenziato ancora Notarbartolo – e questo costringe gli operatori commerciali a lavorare nelle immediate vicinanze, in una sorta di baraccopoli con gravissime mancanze, anche igieniche, e con molti disagi”. Su iniziativa del capogruppo del Megafono in consiglio comunale, inoltre, i membri della commissione hanno potuto scambiare due parole con alcuni operatori che hanno chiesto a gran voce che la struttura venga rimessa in condizioni di essere utilizzata, intervenendo contestualemente contro il dilagante fenomeno dell’abusivismo commerciale che ha trasformato le strade del quartiere in una sorta di suk a cielo aperto.
Non soloil mercato coperto. Al centro dell’interesse della Commissione è stata anche l’ex scuola Capponi i suoi due plessi, abbandonati negli ultimi anni e oggi a disposizione di vandali e senzatetto. “Questa scuola era un presidio importante per il quartiere – ha ricordato ancora Notarartolo – ma venne chiusa senza avere contemporaneamente un progetto sul riutilizzo dei due immobili, presi d’assalto dai vandali e ridotti in condizioni estreme. Questo degrado fa male non solo a Picanello – ha proseguito – ma a tutta la città, è il simbolo chiarissimo della mancanza di idee e progetti delle passate amministrazioni comunali”.
Notarbartolo annuncia, per questo, che rivolgerà un’interpellanza consiliare urgente alla Giunta Bianco per chiedere quali siano le intenzioni dell’amministrazione cittadina per il recupero dei due immobili.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684