Se tutta la Sicilia fosse come San Vito Lo Capo - QdS

Se tutta la Sicilia fosse come San Vito Lo Capo

redazione

Se tutta la Sicilia fosse come San Vito Lo Capo

lunedì 24 Febbraio 2014 - 18:20
Se tutta la Sicilia fosse come San Vito Lo Capo

Nella cittadina della Provincia di Trapani è boom di turisti stranieri. Nel 2013 le presenze sono aumentate del 71%. Pulizia delle acque, servizi ed eventi hanno fatto la differenza

È boom del turismo straniero a San Vito Lo Capo. La cittadina siciliana della Provincia di Trapani, meta particolarmente apprezzata da visitatori italiani e stranieri, continua a brillare come isola felice nel turismo siciliano. Nel 2013 le presenze straniere sono aumentate del 71%, passando da 81.697 a 140.263. Al di fuori dei confini nazionali i visitatori prediligono, per le loro vacanze, i mesi di bassa stagione con novembre che fa registrare un’impennata impressionante: nel mese le presenze straniere sono passate da 516 nel 2012 a oltre 20 mila nel 2013.
Secondo i dati elaborati dall’Ufficio statistica della Provincia di Trapani continuano a crescere anche le presenze in generale, che comprendono sia il turismo straniero che quello italiano e passano da 481.903 a 555.736, registrando quindi un aumento del 15,3%, mentre agosto è diventato un mese che, in linea con le politiche di destagionalizzazione, segna una leggera flessione delle presenze complessive del 5,8%.
Aumentano anche gli arrivi di turisti italiani e stranieri, cresciuti del 5,1%, ma sono gli arrivi dall’estero che fanno la differenza, incrementati del 39,3%, con picchi nei mesi di maggio e settembre, il mese in cui da 16 anni si svolge il Cous Cous Fest.
“Il nostro territorio – spiega Matteo Rizzo, sindaco di San Vito lo capo – offre ai suoi visitatori non soltanto le sue incredibili bellezze naturalistiche, come la spiaggia pluripremiata per la pulizia delle acque, i servizi offerti e la riserva naturale dello Zingaro ma anche un calendario di eventi e iniziative che si snoda da aprile a novembre, che fa sì che la stagione turistica si prolunghi per 9 mesi dell’anno”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684