Corsi d'oro, denunciati tre Enti di formazione furbetti - QdS

Corsi d’oro, denunciati tre Enti di formazione furbetti

redazione

Corsi d’oro, denunciati tre Enti di formazione furbetti

martedì 11 Marzo 2014 - 10:45
Corsi d’oro, denunciati tre Enti di formazione furbetti

Le Fiamme gialle di Messina hanno segnalato alla Corte dei Conti di Palermo un danno erariale per l'indebita percezione di 47 milioni di finanziamenti. Gli enti incriminati gonfiavano le spese, ecco quali sono

I finanzieri del Nucleo di polizia tributaria di Messina hanno segnalato alla Corte dei Conti di Palermo un danno erariale causato dai tre enti di formazione oggetto dell’indagine “Corsi d’oro” per l’indebita percezione di finanziamenti, nel periodo 2006/2011, per un ammontare complessivo di circa 47.000.000 di euro.
Per giungere a questo risultato, è stata analizzata la disciplina di settore introdotta dalla Regione Siciliana, la quale prevede che gli enti autorizzati a svolgere attività nel settore della formazione professionale non debbano perseguire fini di lucro.
A seguito degli esiti delle indagini penali, le Fiamme Gialle peloritane hanno accertato che i centri di formazione professionale oggetto delle attività investigative, A.N.Co.L., A.R.A.M. e L.U.Me.N. ONLUS di Messina, attraverso lo schermo di società – appositamente create e i cui amministratori erano legati ai responsabili degli enti da vincoli di parentela e/o di fiducia – riuscivano a documentare spese relative al noleggio di attrezzature, ai servizi di pulizia dei locali e agli affitti degli immobili in cui venivano svolti i corsi di formazione, a prezzi notevolmente superiori a quelli di mercato, così distraendo a proprio vantaggio i fondi loro destinati dalla Regione.
A causa di tale illecita condotta è venuto meno il requisito della “non lucratività” degli enti e, di conseguenza, la loro legittimazione a vedersi accreditati i fondi destinati alle attività di formazione.
Per tali motivi i finanzieri hanno segnalato alla Corte dei Conti un danno erariale a carico dell’A.R.A.M., per aver percepito indebitamente finanziamenti per circa Euro 27.150.000,00 e della L.U.Me.N., per aver percepito indebitamente finanziamenti per circa Euro 3.100.000,00. Nei confronti di entrambi gli enti è stata richiesta l’adozione della misura cautelare del sequestro conservativo, così da garantire la solvibilità nei confronti dell’erario.
Nello scorso mese di dicembre analoga informativa era stata inoltrata alla magistratura contabile nei confronti dell’A.N.Co.L. Sicilia per un danno erariale di circa Euro 16.660.000,00.
Quest’attività a tutela del bilancio dell’Unione Europea e della Regione Siciliana testimonia il fondamentale ruolo della Guardia di Finanza quale polizia economico finanziaria, imprescindibile e insostituibile baluardo a tutela del corretto utilizzo dei fondi pubblici, sia in virtù delle specifiche disposizioni legislative che affidano ad essa questo compito, che per la professionalità dei propri militari.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684