Palermo, chiesti dieci anni per la segretaria che registrava esami mai sostenuti - QdS

Palermo, chiesti dieci anni per la segretaria che registrava esami mai sostenuti

redazione

Palermo, chiesti dieci anni per la segretaria che registrava esami mai sostenuti

lunedì 24 Marzo 2014 - 16:00
Palermo, chiesti dieci anni per la segretaria che registrava esami mai sostenuti

Rischia grosso Paola Adriana Cardella, responsabile della segreteria di Economia, che caricava le materie sul sistema informatico dell'Ateneo in cambio di denaro. Richieste condanne pesanti anche per 8 dei 10 studenti coinvolti: tutti i nomi

Il pm Amelia Luise ha chiesto la condanna a dieci anni di reclusione (già diminuita per la scelta del rito abbreviato) per Paola Adriana Cardella, responsabile della segreteria della facoltà di Economia e commercio dell’ateneo palermitano, che è accusata di avere caricato sul sistema dell’università 71 esami che non sarebbero stati mai sostenuti da dieci studenti.
Alcuni di loro secondo l’accusa si sono poi laureati grazie alle false attestazioni della regolare carriera universitaria. Secondo gli inquirenti, bastava pagare e nel piano di studi spuntavano esami mai sostenuti. Non c’era bisogno di presentarsi davanti ai prof della facoltà di Economia e Commercio, Architettura e Ingegneria. Fino a quando gli agenti della sezione Reati contro la pubblica amministrazione della Squadra mobile non hanno scoperto la truffa.
Due studenti hanno chiesto il rito abbreviato: Francesco Mattina, per il quale è stata chiesta la condanna a un anno, e Claudia Vitello che rischia la condanna a dieci mesi.
Altri sei studenti hanno chiesto di patteggiare la condanna con pene da sette mesi a due anni. Si tratta di Francesco Giaconia, Marilena Tusa, Francesco Pirrone, Davide Di Salvo, Giuseppe Lo Buono, Gioacchino Maria Di Franco. Tra gli indagati c’è anche un’altra impiegata dell’università, Rosalba Volpicelli, per la quale è stato richiesto il rinvio a giudizio.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684