Palermo - Ponte Corleone ancora pericoloso. Da troppi mesi versa nel degrado - QdS

Palermo – Ponte Corleone ancora pericoloso. Da troppi mesi versa nel degrado

Claudio Di Gesu

Palermo – Ponte Corleone ancora pericoloso. Da troppi mesi versa nel degrado

martedì 01 Aprile 2014 - 12:00
Palermo – Ponte Corleone ancora pericoloso. Da troppi mesi versa nel degrado

Assente la recinzione all’ingresso dell’infrastruttura, dove i rifiuti abbondano vicino a un’area di ristoro. Nonostante le sollecitazioni fatte dal QdS ad agosto e a ottobre, nulla è cambiato

PALERMO – Continuano a essere dimenticate e ignorate le segnalazioni del nostro giornale, riguardo alla sicurezza sul ponte Corleone. Non bisogna certamente essere degli esperti “genieri” per comprendere che quella recinzione o meglio la sua totale assenza, esattamente all’ingresso del ponte, è una condizione inaccettabile a garantire una sicurezza adeguata. Lo abbiamo scritto e documentato in due articoli, uno del 26 agosto e l’altro del 21 ottobre dello scorso anno, che il ponte in quel punto, non ha più una recinzione adeguata e quindi bisogna intervenire per evitare il peggio. Abbiamo anche inviato una Pec di sollecito all’assessorato alla Protezione civile, alla Polizia municipale e al settore Manutenzione.
Mesi e mesi trascorsi senza un’adeguata soluzione, forse troppi, per una necessità così evidente. A oggi, tale stato d’insoluta sicurezza permane (le foto continuano a testimoniarlo). Una banda di plastica colorata non può sicuramente rappresentare una valida recinzione, salvo che non si aspetti un altro po’ e lo spazio antistante al margine dello strapiombo sia letteralmente occupato da rifiuti. Infatti, come si è solito dire: al danno si aggiunge la beffa. A una recinzione che non può essere definita tale, si aggiungono i rifiuti, che fanno bella mostra, vicinissimi a un luogo di ristoro che storicamente si trova a due passi.
A rendere questo tratto del ponte, ancora più insidiosa, è la prossimità con uno slargo stradale utilizzato dagli automobilisti in transito, quale luogo di sosta oltre che di ristoro. Infatti, la concomitante presenza di un bar-ristoro, come sopra ricordato, rende ancor più urgente l’intervento, tenuto conto della quantità di automobilisti, d’interi nuclei familiari che, in quell’area, trovano una possibilità di sosta o anche di usuale appuntamento. Il pericolo è a due passi e non può essere assolutamente giustificata l’indifferenza o ancor peggio l’inadeguatezza solutiva del problema.
Teatro di recenti tragedie, negli ultimi anni il ponte è stato ribattezzato il ponte dei suicidi. Sono già davvero tanti i disperati che hanno scelto di compiere l’estremo gesto del suicidio lanciandosi nel vuoto e non vogliamo neanche considerare l’ipotesi che, l’agevolata possibilità di continuare a farlo, determini altre emulazioni. Per comprendere il perché di così tanta lentezza nell’attuare i provvedimenti più adeguati e soprattutto urgenti, abbiamo rintracciato l’assessore al ramo Agata Bazzi. Siamo stati richiamati dalla sua segreteria e indirizzati a un funzionario, l’ingegner Massimo Verga che ha assicurato un pronto sopralluogo e soprattutto una risposta.
Per agevolare il lavoro del funzionario abbiamo pensato di rispedire le note che i vari settori della macchina burocratica comunale interessati dalla nostra Pec si erano spedite a vicenda, allegando anche una foto dell’attuale situazione. Continueremo in ogni caso a stare sull’argomento, non solo per gli aspetti legati alla sicurezza che rappresentano il motivo predominante, ma anche per comprendere, casomai ce ne fosse ancora bisogno, come la burocrazia e la lentezza di risposte sono uno dei mali peggiori che affliggono l’attuale configurazione del lavoro.
Riusciremo, ma soprattutto riusciranno, i cittadini in transito, o ancor peggio in sosta, in questa parte del ponte Corleone a poterlo fare in assoluta tranquillità? Non ci rimane che continuare a verificare, notiziandovi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684