Di alcol si muore ancora: è causa di quasi 17 mila decessi nel 2010 - QdS

Di alcol si muore ancora: è causa di quasi 17 mila decessi nel 2010

redazione

Di alcol si muore ancora: è causa di quasi 17 mila decessi nel 2010

mercoledì 09 Aprile 2014 - 13:00
Di alcol si muore ancora: è causa di quasi 17 mila decessi nel 2010

Gli ultimi dati diffusi dall'Osservatorio nazionale Alcol-Cneps dell'Istituto Superiore di Sanità e della Società italiana di Alcologia. In Sicilia i valori più bassi, ma il fenomeno non può essere sottovalutato. 

ROMA – In Italia nel 2010 sono morte per cause totalmente o parzialmente attribuibili all’alcol 16.829 persone al di sopra dei 15 anni, di cui 11.670 uomini e 5159 donne. E’ quanto emerge da alcuni dati presentati all’ "Alcohol Prevention Day" organizzato oggi a Roma dall’Osservatorio nazionale Alcol – Cnesps dell’Istituto Superiore di Sanità e dalla Società italiana di Alcologia.
Le conseguenze La tipologia di decessi varia a seconda delle fasce di età: tra i giovani sono più comuni cadute, omicidi, suicidi e altri incidenti, mentre nella fascia di età over 60 sono più diffuse malattie parzialmente attribuibili al consumo di alcol, cadute, omicidi, suicidi e altri incidenti. Nel complesso in Italia il 20% dei decessi tumori maligni negli uomini e il 6,9% di quelli nelle donne è attribuibile all’alcol, così come il 37% delle morti in incidenti stradali negli uomini e il 18% nelle donne. Un decesso su tre tra i maschi e uno su cinque tra le donne – viene evidenziato – sarebbero evitabili non mettendosi alla guida dopo aver bevuto.
I dati per regione A livello regionale i valori più elevati di decessi attribuibili all’alcol tra gli uomini si registrano in Valle d’Aosta, nella Provincia Autonoma di Trento, in Molise, in Basilicata e in Calabria, mentre i valori più bassi si registrano in Sicilia e nelle Marche. Tra le donne il valore più elevato di decessi si registra in Molise, seguito dalla Valle d’Aosta, Puglia, Basilicata, Calabria, Piemonte e Veneto, mentre quelli più bassi si osservano nel Lazio e in Sardegna.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684