Ingroia: impegno massimo per salvare l'Università di Trapani - QdS

Ingroia: impegno massimo per salvare l’Università di Trapani

redazione

Ingroia: impegno massimo per salvare l’Università di Trapani

martedì 15 Aprile 2014 - 19:08
Ingroia: impegno massimo per salvare l’Università di Trapani

L'ex pm, nella veste di commissario straordinario del Libero consorzio di Trapani, ha promesso di impegnarsi per salvare il polo universitario della città. E aggiunge: "La mafia si combatte anche con la cultura". 

TRAPANI – "Ritengo doveroso impegnarmi con tutte le risorse a mia disposizione perché il polo universitario di Trapani sia salvato dal rischio di chiusura che avrebbe effetti devastanti per il territorio. La mafia si combatte anche con la cultura e la tutela al diritto allo studio e alla ricerca". L’ha detto il commissario straordinario del Libero consorzio di Trapani, Antonio Ingroia, a margine del convegno "Il ruolo dell’universtà a Trapani". "Per questa ragione ho dato disposizione agli uffici di porre in essere tutti i provvedimenti necessari per deliberare la revoca dell’atto unilaterale del recesso dal Consorzio universitario di Trapani, che era stato deliberato dal mio predecessore per ragioni comprensibili ma che vanno superate, oggi che il Consorzio ha un suo futuro, e che tutte le forze politiche, a destra e a sinistra, unanimemente hanno espresso la volontà che il polo universitario continui a operare. Entro la settimana sarà deliberata la revoca". "Nel contempo – conclude Ingroia – rivolgo un appello al nuovo governo Crocetta, appena insediato, perché consenta l’operabilità di questa delibera dotando il Consorzio dei necessari fondi per mantenere in vita il Polo universitario. Di questo hanno bisogno i cittadini trapanesi per riconquistare la fiducia nelle istituzioni politiche e accademiche".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684