Messina - Un bilancio finalmente in positivo ma senza debiti delle partecipate - QdS

Messina – Un bilancio finalmente in positivo ma senza debiti delle partecipate

Francesco Torre

Messina – Un bilancio finalmente in positivo ma senza debiti delle partecipate

giovedì 03 Luglio 2014 - 10:00
Messina – Un bilancio finalmente in positivo ma senza debiti delle partecipate

Signorino spiega: “I dati si trovano nel piano di riequilibrio”. Ma i revisori dei conti dissentono. La Giunta vara il Consuntivo 2013 ma si annuncia battaglia per l’approvazione

Messina – La Giunta comunale ha approvato nei tempi stabiliti dalla normativa il bilancio consuntivo 2013. Il rendiconto ha un valore di circa 400 milioni di euro, e dopo due anni con il segno meno stavolta risulterebbe positivo per 6,5 mln €, gran parte dei quali vincolati al fondo rischi per i crediti difficilmente esigibili. Soddisfatto il vice sindaco e assessore al Bilancio Guido Signorino: “Un adempimento i cui dati confermano la solidità del percorso di risanamento finanziario dell’Ente avviato lo scorso anno”. Tra i risultati oggettivamente raggiunti vi sono la riduzione quasi totale (96%) delle spese di rappresentanza, il pagamento di debiti pregressi per circa 8,5 mln € e l’eliminazione di diverse voci di residui attivi inesigibili, come peraltro richiesto esplicitamente dalla Corte dei Conti. Il documento, però, è stato ritenuto incompleto sia dal Consiglio comunale – che dovrà approvarlo – sia dal collegio dei Revisori dei Conti, il cui parere è obbligatorio ma non vincolante.
Il consuntivo varato dalla Giunta, infatti, inspiegabilmente non contiene né i debiti fuori bilancio, né i debiti riconosciuti e certificati (al di là di quelli che hanno copertura finanziaria), né tantomeno i debiti potenziali, tra cui quelli riguardanti le società partecipate. Quanto a quest’ultime, poi, il Rendiconto con contiene nemmeno il prospetto informativo con i singoli bilanci. In pratica, dunque, la Giunta non ha contabilizzato circa 286 mln € di debiti ed evitato accuratamente di inserire i numeri delle partecipate. La giustificazione di tale scelta, data sempre da Signorino, è che le partite debitorie pregresse, così come i dati sulle partecipate, non sono inseriti nell’attuale consuntivo in quanto già presenti nel piano di riequilibrio decennale, un piano che ancora praticamente non esiste.
Sul punto, però, i rilievi della Corte dei Conti per i bilanci degli anni precedenti – gli stessi rilievi che hanno dato l’avvio all’indagine della Procura attualmente in corso – sono chiari e vanno in tutt’altra direzione. Ed è per questo che molti consiglieri hanno già dichiarato che non approveranno mai il Consuntivo così come è stato redatto dalla Giunta. Quanto invece ai Revisori dei Conti, è già stata formalizzata dal presidente Dario Zaccone una richiesta di integrazione. Richiesta, però, destinata a rimanere inascoltata, in quanto ad oggi la Giunta dati certi sui conti delle partecipate non ne ha, ed è fondamentalmente questo che ha bloccato finora anche il percorso per la redazione del Piano decennale di riequilibrio, l’unico documento che separa il Comune di Messina dalla dichiarazione di dissesto economico-finanziario.
Dissesto che, peraltro, è stato recentemente addirittura invocato dai consiglieri comunali del gruppo del “Megafono”, che così hanno scritto in una nota: “Un piano di riequilibrio inesistente e non ancora approvato; la mancanza, nel bilancio consuntivo, dei dati relativi alle aziende partecipate; le indagini aperte dalla Procura sulla mancata dichiarazione di dissesto finanziario del Comune per gli anni 2009-2012. Cosa serve di più all’amministrazione per deliberare il dissesto e portarlo in consiglio comunale?”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684