Dichiarazione di successione e tasse l’Agenzia delle Entrate informa - QdS

Dichiarazione di successione e tasse l’Agenzia delle Entrate informa

Serena Giovanna Grasso

Dichiarazione di successione e tasse l’Agenzia delle Entrate informa

mercoledì 10 Settembre 2014 - 04:40
Dichiarazione di successione e tasse l’Agenzia delle Entrate informa

In più agevolazioni se l’immobile ereditato è in regime “prima casa”

PALERMO – Dopo esserci occupati in ambito di locazioni delle imposte gravanti sull’inquilino e sul proprietario e delle relative detrazioni, oggi prenderemo in esame le varie procedure e tassazioni che dovranno rispettare i beneficiari di eredità nell’ambito delle successioni grazie alla guida facilmente reperibile online sul sito dell’Agenzia delle Entrate.
Innanzitutto, iniziamo col fare la conoscenza dei soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di successione, cioè i chiamati all’eredità, gli immessi nel possesso di beni, gli amministratori dell’eredità, i curatori delle eredità giacenti e gli esecutori testamentari. Se più soggetti sono obbligati alla presentazione della dichiarazione, è sufficiente che questa venga presentata da uno solo di essi.
Dodici mesi dall’apertura della successione è il termine da rispettare per la presentazione della dichiarazione, termine il cui inizio in genere coincide con la data di decesso del contribuente. È necessario compilare l’apposito modulo e consegnarlo all’ufficio territoriale dell’Agenzia delle Entrate nella cui circoscrizione era fissata l’ultima residenza del defunto.
Contemporaneamente alla presentazione della dichiarazione è necessario pagare l’imposta di successione. Le aliquote da applicare al calcolo dell’imposta di successione variano in relazione al grado di parentela che lega il defunto al beneficiario dell’eredità: andiamo dal 4% di coniuge, genitori o figli da calcolare sul valore eccedente i 100.000 euro per erede, al 6% dei parenti fino al quarto grado. Ma a questi dobbiamo anche aggiungere le imposte ipotecarie e catastali. Queste, sono pari, rispettivamente, al 2% e all’1% del valore degli immobili, con un versamento minimo di 200 euro per ciascuna imposta.
Esistono però delle agevolazioni “prima casa”: queste sono riservate a chi non è titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà, usufrutto, uso e abitazione di altra casa di abitazione nel territorio del Comune dove si trova l’immobile ereditato e a chi non è titolare, neppure per quote o in comunione legale, su tutto il territorio nazionale, di diritti di proprietà, uso, usufrutto, abitazione o nuda proprietà, su altra casa di abitazione acquistata, anche dal coniuge, usufruendo delle agevolazioni per l’acquisto della prima casa. Questi benefici consistono nel versamento delle imposte ipotecarie e catastali nella misura fissa di 200 euro.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684