Palermo - Quindici milioni di euro per Monte Pellegrino - QdS

Palermo – Quindici milioni di euro per Monte Pellegrino

redazione

Palermo – Quindici milioni di euro per Monte Pellegrino

giovedì 22 Gennaio 2015 - 05:00
Palermo – Quindici milioni di euro per Monte Pellegrino

Tutti gli interventi previsti dal Comune di Palermo

PALERMO – Sono stati illustrati ieri mattina i provvedimenti attuati e programmati dall’Amministrazione comunale per ridurre i livelli di pericolosità e rischio idrogeologico nella zona di Monte Pellegrino e nell’area circostante, soprattutto in seguito al distacco, verificatosi tra la fine dell’anno appena trascorso e l’inizio del 2015, di alcuni massi.
All’incontro con la stampa erano presenti il sindaco Leoluca Orlando, il vice sindaco Emilio Arcuri, l’assessore alla Pianificazione territoriale Giuseppe Gini e il geologo Giuseppe Giunta, consulente del Comune a titolo gratuito.
Monte Pellegrino è interessato da diverse previsioni del Piano di assetto idrogeologico (Pai) e su tale previsione l’intero versante prospiciente il lungomare dell’Addaura risulta con livello di pericolosità P4, il più elevato, e con livello di rischio R4, anche questo il più elevato.
“Metteremo in sicurezza il costone – ha spiegato il sindaco – con un sistema di reti ed elicotteri. Mentre per quanto riguarda il monte Erta i lavori sono terminati e contiamo, nel corso della primavera, di potere riaprire l’accesso al Monte Pellegrino dalla parte di Mondello ”.
“Tra i provvedimenti previsti – ha aggiunto il vice sindaco Emilio Arcuri – c’è anche una proposta di deliberazione per il Consiglio comunale che, alla luce dei recenti avvenimenti e degli studi realizzati dai nostri tecnici, ci consente di intervenire per una variazione del Pai, modificandolo sulla base della situazione attuale”.
“In totale – ha concluso Arcuri – tra tutti gli interventi che abbiamo già messo in atto e quelli che ancora dovremo attuare, investiremo circa 15 milioni di euro. Anche se per interventi più cospicui dovremo necessariamente prevedere il concorso della Regione e dello Stato”.
Fra le misure messe in campo, anche uno studio di fattibilità delle opere necessarie a ridurre il pericolo di perdita di vite umane e lesioni gravi alle persone e danni agli edifici, contenete un’identificazione delle priorità degli interventi nelle diverse aree del monte”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684