Precari: chiesto alla Regione siciliana l’accreditamento delle risorse - QdS

Precari: chiesto alla Regione siciliana l’accreditamento delle risorse

redazione

Precari: chiesto alla Regione siciliana l’accreditamento delle risorse

mercoledì 11 Marzo 2015 - 05:00
Precari: chiesto alla Regione siciliana l’accreditamento delle risorse

Appello di AnciSicilia per l’immediato pagamento del 60% di quanto dovuto nel 2014

L’emergenza finanziaria che attanaglia i Comuni siciliani si aggrava ogni giorno di più, anche a causa del mancato accreditamento da parte della Regione siciliana di una parte cospicua di fondi relativi al 2014 e riguardanti il personale precario. In questo contesto, i sindaci troppo spesso si ritrovano a dover operare tagli dolorosi ai servizi essenziali per le categorie più disagiate delle proprie comunità.
“Chiediamo al Governo regionale – ha dichiarato Leoluca Orlando, presidente di AnciSicilia – l’immediato accreditamento del 60% delle risorse destinate al personale precario per il 2014, senza il quale l’emergenza finanziaria dei Comuni siciliani rischia di aggravarsi, ancora di più, diventando insostenibile”.
“Abbiamo chiesto inoltre – ha aggiunto Orlando – nella Conferenza Regione-Autonomie locali, del 5 marzo scorso a Palazzo D’Orleans, che il Governo ci fornisca un quadro chiaro e incontrovertibile delle risorse destinate agli Enti locali siciliani per il 2015”.
“La vicenda riguardante il personale precario – ha concluso il presidente di AnciSicilia – va affrontata una volta per tutte e non può continuare a essere ‘scaricata’ sui Comuni usando i ‘tagli alla spesa pubblica’ come alibi per non affrontare il problema”.
“Riteniamo – è intervenuto Salvo Lo Biundo, vice presidente Anci Sicilia con delega al Personale – che la difficile situazione riguardante il personale precario degli Enti locali debba essere affrontata nella sua interezza, intervenendo sul quadro giuridico, normativo ed economico”.
“Chiediamo alla Regione Siciliana – ha concluso – anche per evitare ulteriori problemi alla maggior parte degli Enti locali siciliani, che venga istituito, nel più breve tempo possibile, il Tavolo tecnico previsto nell’intesa del 28 gennaio con l’assessore Caruso, all’interno del quale definire una posizione condivisa da presentare al Governo nazionale con tempi di applicazione e risorse certi e improrogabili”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684