Evasione, piaga italiana. Irregolare 1 appalto su 3 - QdS

Evasione, piaga italiana. Irregolare 1 appalto su 3

redazione

Evasione, piaga italiana. Irregolare 1 appalto su 3

giovedì 09 Aprile 2015 - 10:00
Evasione, piaga italiana. Irregolare 1 appalto su 3

Rapporto 2014 della Guardia di Finanza, 8mila persone sconosciute al fisco

ROMA – Sono 8mila in Italia gli evasori totali, soggetti completamente sconosciuti al fisco, scoperti dalla Guardia di finanza nel 2014, mentre sono 13mila i responsabili di reati fiscali. I beni sequestrati per reati tributari ammontano a un miliardo e duecento milioni. I dati sono contenuti nel ‘Rapporto annuale 2014’ della Gdf.
La GdF, inoltre, ha denunciato oltre 3.700 responsabili di reati contro la pubblica amministrazione. Ha individuato sprechi per 2,6 miliardi di euro e frodi ai finanziamenti pubblici ed al “welfare’’ per circa 1,5 miliardi di euro. Sono stati sottratti alla criminalità organizzata beni per 4 miliardi di euro. Dalla corruzione ai giochi illegali: gli uomini della Gdf in azione.
La Guardia di Finanza ha anche sequestrato 290 milioni di prodotti contraffatti o pericolosi, 1.400 tonnellate ed oltre 500mila litri di generi agroalimentarii. Ha eseguito quasi 10.000 controlli di contrasto al gioco illegale, rilevando irregolarità nel 33% dei casi. Infine sono state sequestrate 129 tonnellate di droga e 200 tonnellate di sigarette di contrabbando, arrestati 389 trafficanti di esseri umani.
Appalti
Sono 933 le persone denunciate dalla Guardia di Finanza nel 2014 nell’ambito dei controlli sugli appalti pubblici. Di queste 44 sono state arrestate. In totale i finanzieri hanno eseguito 210 interventi controllando appalti per un valore totale di oltre 4,6 miliardi. Il valore degli appalti oggetto di assegnazione irregolare è di 1.793.431.816 miliardi.
Reati contro la Pubblica amministrazione
La GdF, inoltre, ha denunciato oltre 3.700 responsabili di reati contro la pubblica amministrazione; controllato appalti pubblici per 4,6 miliardi di euro, ed effettuato 933 denunce per irregolarità. Ha individuato sprechi per 2,6 miliardi di euro e frodi ai finanziamenti pubblici ed al “welfare” per circa 1,5 miliardi di euro. Sono stati sottratti alla criminalità organizzata beni per 4 miliardi di euro. La Guardia di Finanza ha anche sequestrato 290 milioni di prodotti contraffatti o pericolosi, 1.400 tonnellate ed oltre 500mila litri di generi agroalimentari. Infine sono state sequestrate 129 tonnellate di droga e 200 tonnellate di sigarette di contrabbando, arrestati 389 trafficanti di esseri umani.
Truffe Ue
Ammontano a 666.046.188 euro i contributi indebitamente percepiti o richiesti all’Unione europea nel 2014. In totale i finanzieri nell’ambito dei controlli per contrastare le frodi nella richiesta delle risorse a carico del bilancio dell’Unione europea hanno eseguito 6.650 interventi e denunciato 2.980 persone, di queste 43 sono state arrestate. I finanzieri hanno controllato contributi per oltre un miliardo (1.062.564.171) e sequestrato oltre 161 milioni di euro (161.102.712).
Giochi illegali
Sono 9.929 i controlli eseguiti dalla Guardia di Finanza nel 2014 nell’attività di contrasto al gioco illegale, con irregolarità nel 33% dei casi. In particolare le violazioni riscontrate sono state 3.343 e i soggetti verbalizzati 10.988. I finanzieri hanno posto sotto sequestro 1.085 apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento, 3.116 punti clandestini di raccolta scommesse, somme in denaro per 1.887.962 euro e 205 immobili.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684