Regno Unito, lavoratori irregolari rischiano fino a 6 mesi di carcere - QdS

Regno Unito, lavoratori irregolari rischiano fino a 6 mesi di carcere

redazione

Regno Unito, lavoratori irregolari rischiano fino a 6 mesi di carcere

mercoledì 26 Agosto 2015 - 07:50
Regno Unito, lavoratori irregolari rischiano fino a 6 mesi di carcere

Proposte incluse in un disegno di legge contro l’immigrazione

Giro di vite nel regno Unito contro i lavoratori stranieri senza permesso: gli irregolari che verranno trovati a lavorare in Inghilterra e nel Galles potranno essere condannati fino a 6 mesi di carcere e le aziende che danno loro lavoro rischiano la chiusura. “I lavoratori clandestini potranno essere condannati a pene carcerarie, mentre gli imprenditori potranno veder chiuse le loro aziende o ritirate le licenze o essere processati, se continueranno a prendersi gioco della legge”, ha dichiarato James Brokenshire, sottosegretario all’Immigrazione.
Nel mirino delle autorità ci sono in particolare i pub, i negozi e i ristoranti, cui potrà essere ritirata la licenza. “Se siete qui illegalmente, noi prenderemo misure per impedirvi di lavorare, di affittare un appartamento, di aprire un conto in banca o di guidare un’auto”, ha continuato Brokenshire. Per questa ragione, anche i proprietari di case affittate a lavoratori irregolari rischiano il carcere.
Tutte queste proposte sono incluse in un disegno di legge sull’immigrazione che il governo conservatore di David Cameron intende presentare in autunno. Nel 2014, nel Regno Unito, il saldo migratorio ha toccato le 318.000 unità, vale a dire il 50% in più del 2013. Cinque anni fa Cameron aveva promesso di limitare la crescita netta di immigrati regolari a qualche migliaio l’anno.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684