Così la Regione siciliana ha ucciso il lavoro - QdS

Così la Regione siciliana ha ucciso il lavoro

Michele Giuliano

Così la Regione siciliana ha ucciso il lavoro

sabato 16 Gennaio 2016 - 08:00
Così la Regione siciliana ha ucciso il lavoro

Istat: in 8 anni -140.000 occupati (-9,27%), peggior performance in Italia, e spesi 2 mld per l’inutile Formazione. Risorse dirottate ai precari privilegiati, 388.000 disoccupati nel dimenticatoio

La crisi? Sì, incide, e anche tanto. In Sicilia però anche troppo, ben oltre la soglia assimilabile al fenomeno. Il motivo appare fin troppo semplice: da queste parti l’economia è troppo fragile ed anche un minimo scossone può prendere le sembianze di un terremoto dalle dimensioni apocalittiche. D’altronde non può essere altrimenti per una terra che sino ad oggi continua a vivere di sussidi, di posti di lavoro fittizi creati ad arte dal clientelismo della politica. Forse è proprio quest’ultimo aspetto che sta incidendo più di tutti in Sicilia: quando di soldi da sperperare le pubbliche amministrazioni ne hanno pochi e niente tutto crolla. I numeri degli ultimi 8 anni del mercato del lavoro ne sono la testimonianza: mentre in quasi tutta Italia si riesce a reggere l’onda d’urto della lunga crisi, perché evidentemente l’economia è più solida e riesce a trovare alternative, nell’Isola invece crolla tutto perché la base è fatta da argilla.
(Per leggere l’inchiesta completa abbonati qui o acquista il giornale in edicola)

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684