La guerra delle tasse in Sicilia e un buco da quasi sei miliardi - QdS

La guerra delle tasse in Sicilia e un buco da quasi sei miliardi

Raffaella Pessina

La guerra delle tasse in Sicilia e un buco da quasi sei miliardi

sabato 16 Gennaio 2016 - 06:00
La guerra delle tasse in Sicilia e un buco da quasi sei miliardi

Resi noti i verbali dell’audizione in commissione bilancio di Antonio Fiumefreddo. Riscossione Sicilia: clientelismo, sprechi e consulenze d’oro

Sono stati resi noti, ma non ancora visibili sul sito ufficiale dell’Ars, i verbali dell’audizione in commissione Bilancio di Antonio Fiumefreddo, presidente della partecipata regionale (per oltre il 90%) Riscossione Sicilia.
Secondo l’Agi, che ha visionato i verbali, si tratta di una testimonianza che rivela una vera e propria guerra delle tasse e di una possibile convenzione con Equitalia, discussa a Roma. Una ipotesi che il Presidente Crocetta aveva già bollato come un “errore fatale”. “La storia di Riscossione Sicilia è per lo più una storia criminale – avrebbe dichiarato Fiumefreddo, fedelissimo di Rosario Crocetta – che negli anni ha risentito di una forte impostazione clientelare, alla quale evidentemente faceva riferimento il quadro politico che gestiva e che rappresentava la Regione”.
Fiumefreddo avrebbe fatto la fotografia della situazione della riscossione delle tasse in merito a coloro che, cittadini siciliani, dichiaravano redditi per oltre mezzo milione di euro l’anno. Parrebbe che solo il 3,66% di questi pagasse il dovuto in tasse. Per il resto sarebbe stata riscontrata “una media di riscossione pari all’8%, con migliaia di evasori, per miliardi di euro”. Il deficit di riscossione per mancati incassi denunciato da Fiumefreddo al momento dell’audizione sarebbe di 5 miliardi e 700 milioni.
Al 31 dicembre 2014 erano stati riscossi solo 481 milioni di euro. Appunto l’8%.
La società Riscossione Sicilia, secondo quanto riportato nei verbali della commissione riportati dall’Agi, avrebbe avuto troppe e costose consulenze, così come erano costosi gli affitti delle sedi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684