Imprese di biotecnologie, Sicilia in coda - QdS

Imprese di biotecnologie, Sicilia in coda

Rosario Battiato

Imprese di biotecnologie, Sicilia in coda

sabato 21 Maggio 2016 - 06:00
Imprese di biotecnologie, Sicilia in coda

Rapporto realizzato da Assobiotec: metà del fatturato nazionale si trova in Lombardia, nell’Isola dato inferiore all’1%. Mezzo migliaio di aziende e 9,4 miliardi di fatturato per un comparto in grande crescita

PALERMO – Quasi mezzo migliaio di imprese, poco più di 9mila unità occupate, investimenti in ricerca e sviluppo da 1,8 miliardi, fatturato da 9,4 miliardi di euro e dati ancora in crescita per il 2017 e il 2018. Sono questi i numeri del biotech italiano nel Rapporto 2016 “Le imprese di biotecnologie in Italia – Facts&Figures” realizzato da Assobiotec, Associazione nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie che fa parte di Federchimica, in collaborazione con Enea. Il comparto è trainato dalla Lombardia, che ha investito molto, mentre un po’ attardata è la Sicilia.
In termini di R&S il biotech è uno dei settori leader a livello nazionale. Un’elevata intensità di ricerca che si manifesta nel confronto con l’industria manifatturiera, rispetto alla quale “la quota di addetti in R&S è 5 volte maggiore (13 volte se consideriamo le imprese dedicate alla R&S biotech a capitale italiano)” mentre “la quota della spesa in R&S sul fatturato si registra come questa sia di 2,3 volte maggiore nel biotech (14 volte se consideriamo le imprese dedicate alla R&S biotech a capitale italiano)”.
Il settore di maggiore interesse riguarda le applicazione nella salute (53% del totale delle imprese) che rappresenta non soltanto il punto di riferimento numerico per eccellenza, ma anche quello determinante per fatturato (7,1 miliardi di euro) e per il valore degli investimenti (1,4 miliardi di euro). “Quelli delle Malattie Rare e delle Terapie Avanzate – si legge nella nota di presentazione del rapporto – sono tra i settori di eccellenza: da un lato infatti la nostra ricerca accademica vanta il maggior numero di pubblicazioni scientifiche in materia di Malattie Rare; dall’altro il primo prodotto di Terapia Avanzata approvato nel mondo occidentale è un farmaco a base di cellule staminali, sviluppato da un’impresa biotech italiana”.
Gli altri due ambiti di azione riguardano le biotecnologie industriali e le applicazioni nel settore agricolo e zootecnico. Nel primo caso ci troviamo di fronte a 119 imprese (24% del totale) che “utilizzano enzimi, prodotti da batteri, funghi e alghe, in ambiti applicativi che vanno dalla riqualificazione di molti processi industriali, alla produzione di energia e di bioprodotti, fino ad arrivare alla diagnostica e bonifica ambientale, o al restauro e alla conservazione del patrimonio artistico”. Un aspetto di questo comparto riguarda la biobased italiana che si è affermata a livello mondiale con prodotti che un tempo erano esclusiva della petrolchimica tradizionale come solventi, detergenti, lubrificanti, plastiche, tessuti e altri materiali. Restano le 44 imprese del settore green biotech che operano, almeno per la maggior parte, nel potenziare il potere delle biotecnologie in campo agricolo e zootecnico, ad esempio per il “miglioramento del valore nutrizionale delle produzioni animali e vegetali”.
Nella graduatoria nazionale per numero di imprese biotech la Sicilia si piazza al nono posto, in coabitazione con la Sardegna, grazie alle sue 13 imprese, pari al 2,66% del totale nazionale. Basso il contributo agli investimenti in R&S intra-muros (appena lo 0,38%) che resta il secondo dato più basso d’Italia, visto che riesce a fare peggio soltanto la Puglia. Tra gli ultimi posti della classifica nazionale anche il contributo al fatturato biotech, che nell’Isola si ferma allo 0,08% del totale. Dall’altra parte della graduatoria troviamo la Lombardia, che supera la metà del fatturato nazionale, seguita da Lazio (un quarto del totale) e Toscana (poco più del 12%). Queste tre regioni assieme sfiorano il 90% del fatturato totale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684