Libero Grassi ucciso da siciliani conniventi - QdS

Libero Grassi ucciso da siciliani conniventi

Carlo Alberto Tregua

Libero Grassi ucciso da siciliani conniventi

mercoledì 31 Agosto 2016 - 00:00

Chi resta inattivo è colpevole

Il 25esimo dall’assassinio di Libero Grassi è stato riportato in un programma su Raiuno di lunedì 29 agosto. Risultano testimonianze che evidenziano come l’ambiente abbia isolato l’industriale palermitano; più conoscenti non lo salutavano, le istituzioni lo ignoravano, cosicché hanno “favorito” il suo omicidio.
Oggi questo non accadrebbe più, perché la sensibilità popolare contro la malavita organizzata è molto elevata, la gente scende in piazza immediatamente, la stessa Confindustria Sicilia ha redatto protocolli contro la criminalità organizzata ed espulso dalla propria organizzazione associati in odore di mafia.
Quando i cittadini si disinteressano di casi come quello di Libero Grassi, ritenendo che siano altri a dover risolvere i problemi, la democrazia subisce una grande ferita perché viene meno il suo artefice principale, che è il popolo, il quale si esprime attraverso i propri cittadini.
Si dice che il popolo è bue, intendendo che è privo di intelligenza e quindi privo di iniziativa. Ed è bue perché ignorante. Infatti i cittadini colti, che possiedono conoscenze e saperi, più difficilmente si fanno guidare da altri e più difficilmente cadono nella trappola di chi non sa.

Libero Grassi ragionava bene, aveva una sua stella polare nelle regole etiche e non ha mai derogato dalla sua linea di condotta, neanche quando sentì il vuoto attorno a sé.
è inspiegabile come le autorità dell’epoca non gli abbiano assegnato una scorta, permettendo ad un killer di avvicinarlo tranquillamente sul marciapiede e scaricargli addosso i colpi di un revolver.
Negli anni 90 la Democrazia cristiana in Sicilia era di gran lunga il partito di maggioranza con oltre il 42% dei voti. Dentro il ventre della Balena bianca vi erano tante anime, tante persone per bene ma anche tanti delinquenti che venivano eletti con i voti della mafia.
Non che oggi questo triste fenomeno non sia presente nelle elezioni di consiglieri regionali e comunali. Proprio di recente sono stati sciolti per mafia, per l’ennesima volta, il comune di Corleone e quello di Tropea. Certo è difficile fare l’analisi del sangue a consiglieri eletti dal popolo, ma negli ambienti si capisce subito, in base ai loro comportamenti, se stanno sul versante del bene o su quello del male.

La questione che analizziamo è della massima importanza per la buona vita di una Comunità. Quando le istituzioni vengono meno al loro principale dovere di servire tutti i cittadini con equità, imparzialità e giustizia, sono gli interessi particolari che prevalgono, danneggiando parti della Comunità stessa. Ecco perché è indispensabile che i cittadini per bene dedichino parte della loro intelligenza e del loro tempo a controllare il funzionamento delle istituzioni e di tutti i servizi a valle.
I cittadini per bene, quando rilevano anomalie o disfunzioni, dovrebbero immediatamente scrivere ai quotidiani ed insistere nella loro comunicazione, in modo da indurre gli stessi mezzi di informazione ad aprire inchieste giornalistiche ed a vederci chiaro su fatti e comportamenti che spesso, pur non avendo rilevanza penale, costituiscono violazioni e irregolarità di altro tipo.
E’ proprio l’assenza del controllo da parte dei cittadini per bene che consente il perpetuarsi delle disfunzioni e delle inefficienze delle burocrazie, mal dirette dagli organi politici che dovrebbero controllarne l’efficienza e la funzionalità.

La principale responsabilità è di presidenti, assessori regionali e deputati che non esercitano l’opportuna vigilanza effettiva e completa, non solo di facciata e formale.
Ogni assessore, se capace, competente e onesto, deve essere in condizione di indirizzare in modo fermo e deciso la burocrazia del suo ramo e controllare che funzioni secondo le leggi e le regole di organizzazione. Quando non lo fa, danneggia la Comunità.
Le commissioni dell’Assemblea regionale invitano questo o quello, fanno audizioni interminabili, ma alla fine del loro processo cognitivo non emettono provvedimenti, come in loro potere, atti a rilevare anomalie, né chiedono a presidente e Giunta regionale di muoversi nella stessa direzione.
Insomma tutti fanno ammuina, tutti fanno finta di operare, ma nessuno vede il frutto di questo inutile lavorio, salvo i loro stipendi che vengono pagati regolarmente.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684