Quel furbone del ministro Scajola - QdS

Quel furbone del ministro Scajola

Carlo Alberto Tregua

Quel furbone del ministro Scajola

giovedì 03 Dicembre 2009 - 00:00

Termini, turismo invece della Fiat

Il ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola ne ha sparata una delle sue: “Folle chiudere lo stabilimento Fiat di Termini Imerese”. È ovvio che si tratti di una furbata con l’intento neanche nascosto di acquisire le simpatie dei sindacati e dei dipendenti di quello stabilimento. Ma, senza voler fare dietrologia, si tratta anche di un siluro nei confronti del presidente Raffaele Lombardo e di una bordata nei confronti della Fiat, per punire il suo presidente Luca Cordero di Montezemolo.
La colpa dello stesso è che non solo non affianca l’azione del governo Berlusconi, ma per tanti aspetti la critica. Che si tratti di furbata è evidente perché nessuno meglio di Sergio Marchionne, amministratore delegato della multinazionale torinese, conosce i dati della propria azienda e nessun altro può decidere dove deve produrre per avere la massima efficacia. Fra l’altro, i tempi per le case automobilistiche sono molto difficili e nessuna di esse si può permettere di elargire beneficienza.

Da anni ribadiamo il concetto che, se la Fiat ha deciso di spostare la sua produzione a Kragujevac, in Serbia, è perché ci sono condizioni più favorevoli che a Termini. E se ora ha deciso di spostare la produzione della Ypsilon in Polonia è per la stessa ragione. Come può chiedere un ministro della Repubblica ad un’impresa di tenere in vita uno stabilimento, il cui prodotto costa un terzo in più che altrove? è pura demagogia.
Il ministro per lo Sviluppo economico deve attivare strategie per guardare avanti di cinque o dieci anni ed investire nel futuro. è del tutto pacifico che lo stabilimento Fiat di Termini Imerese è morto e sepolto e, per la sua piccola dimensione, non ha alcun futuro. Il ministro dovrebbe individuare nell’industria turistica il futuro della Sicilia e concordare col governo regionale un piano per la sua trasformazione in un’attività con un forte potenziale di sviluppo.
La forza della Sicilia è la sua posizione geografica al centro del Mare nostrum. Si tratta di preparare un progetto di massima, inserirlo nella rete bancaria di tutto il mondo e portarlo nelle sedi economiche che contano in modo da stimolare i gruppi internazionali a venire qui.

Siamo nauseati dal dover ripetere continuamente queste cose, semplici e perfino banali. Come si può pensare di investire 400 milioni (tanti dichiarati dall’assessore all’industria Venturi) per ristrutturare un territorio ancora destinato all’industria pesante? Con questa cifra lo stesso territorio può essere rivoltato come un calzino e diventare idoneo per l’industria turistica.
Insistere sulla Fiat contro la volontà della stessa è frutto di cecità strategica. L’alibi di dover proteggere i 1.370 posti di lavoro è ormai sgonfiato perché, per la chiusura dello stabilimento, lo Stato potrebbe applicare la “legge Alitalia”, salvaguardando quindi il tenore di vita di tutti quei dipendenti.
In più, il nuovo piano di investimenti potrebbe portare alla creazione di 5.000 posti di lavoro, solidi e duraturi nel tempo, naturalmente convertendo le competenze di chi volesse o mettendo a disposizione queste opportunità di altri siciliani e non.

Non solo la Sicilia deve dar sfogo alla richiesta di lavoro degli indigeni, ma potrebbe diventare un territorio di attrazione del lavoro esterno. è il caso per esempio del costruendo Ponte sullo Stretto per il quale arriveranno tantissimi operatori di diversi livelli produttivi.
C’è poi un altro versante sul quale la Regione e il ministro potrebbero investire. Riguarda la messa a reddito di circa 4000 km quadrati di terreno incolto. Come? Con la coltura di prodotti vegetali necessari alla produzione di biocarburante. Naturalmente in questa iniziativa dovrebbero essere coinvolte le industrie pesanti e altamente inquinanti del Triangolo della morte le quali, con le buone o le cattive, dovrebbero esser indotte a trasformare una parte della filiera produttiva in modo di utilizzare prodotti vegetali e non fossili, come il raffinato.
Di queste iniziative si dovrebbero occupare il governo regionale e il ministro invece di blaterare e dire stupidaggini. Attendiamo con realismo la svolta di una linea di politica economica bloccata da risse ridicole nelle quali prevale l’interesse di tanti piccoli uomini che tentano di prevaricare quello generale.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684