Referendum, battaglia aperta anche in Sicilia - QdS

Referendum, battaglia aperta anche in Sicilia

Raffaella Pessina

Referendum, battaglia aperta anche in Sicilia

martedì 08 Novembre 2016 - 07:00
Referendum, battaglia aperta anche in Sicilia

Pippo Digiacomo, presidente commissione Sanità Ars: “Votare sì per voltare pagina”. Ieri Bersani a Palermo per sostenere le ragioni del No

PALERMO – Oggi ricomincia, se così si può dire, la settimana parlamentare a Palazzo dei Normanni, con un ordine del giorno lungo 4 pagine e che non si riesce a smaltire. Ad un anno dalle prossime elezioni il Parlamento siciliano non riesce a lavorare, per assenteismo cronico e per le pochissime riunioni a Sala D’Ercole. La desolazione dei banchi vuoti fa comprendere al cittadino che i politici sono impegnati in altre faccende.
E in effetti a pensarci bene i deputati regionali stanno cercando di organizzarsi in vista proprio delle elezioni e, a qualsiasi partito essi appartengano, sanno che se si vogliono ricandidare, dovranno fare i conti con la diminuzione del numero dei parlamentari eleggibili. A partire dalla prossima legislatura, infatti, grazie ad una legge approvata quando ancora era presidente della Regione Raffaele Lombardo (2011) e ratificata dal Parlamento nazionale nel 2013, ci saranno a disposizione solo 70 poltrone e non più 90. In più si sta registrando una implosione dei maggiori partiti, con defezioni e ricongiungimenti, e facendo diventare il “cambio di casacca” una consuetudine più che una eccezione. L’Udc si è spaccato, il Nuovo Centrodestra perde pezzi eccellenti, il Partito democratico da tempo è frazionato al suo interno; ne approfitta l’opposizione che, con movimenti nuovi e partiti storici si rimette insieme conscia del potere che potrebbe conquistare.
Restano per così dire in un “angolo” i Cinquestelle, consapevoli del consenso raccolto tra gli elettori al punto di farli apparire il partito favorito alle prossimi consultazioni. A distrarre gli animi ancor di più c’è il referendum costituzionale sulle modifiche in primis delle funzioni del Senato, referendum per il quale tutti i big della politica hanno organizzato tour in tutta Italia, chiedendo di votare per il sì o per il no. Ieri è stata la volta di Pierluigi Bersani, che sostiene il no, contrariamente al Pd di Renzi che sostiene il sì. Sulla questione è intervenuto il deputato regionale del Pd, Pippo Digiacomo, presidente della commissione Sanità all’Ars. “Faccio campagna referendaria per il sì con due, tre impegni a settimana, ma non mi son piaciuti gli slogan scissionisti ‘buttafuori’ della Leopolda. Anzi, francamente, ritengo che proprio queste cose non aiutino la vittoria”. “In questi cori ‘fuori, fuori’ – aggiunge – c’è pure un che di rabbia da sconfitta che mi preoccupa.
Pertanto, oggi, (ieri per chi legge) vado a stringere la mano a Bersani a Ragusa per dirgli che lui perora una causa sbagliata, contro la quale sto lavorando, ma che lo stimo e non riesco a immaginare un Pd senza di lui, cioè senza quello che rappresenta”. Non è meno difficile la situazione all’interno dell’Udc siciliano dopo lo strappo di Gianpiero D’Alia che ha lasciato il partito, al punto che il gruppo all’Ars sente il bisogno di un confronto: “Alla luce dei recenti avvenimenti interni al partito e sentiti i colleghi – ha detto Il capogruppo dell’Udc all’Ars Mimmo Turano – mi sembra doveroso convocare una riunione del gruppo parlamentare”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684