La crisi e la siccità dimezzano la raccolta dei capperi a Pantelleria - QdS

La crisi e la siccità dimezzano la raccolta dei capperi a Pantelleria

redazione

La crisi e la siccità dimezzano la raccolta dei capperi a Pantelleria

martedì 15 Novembre 2016 - 03:00
La crisi e la siccità dimezzano la raccolta dei capperi a Pantelleria

Quest'anno la produzione si è attestata a quota mille quintali (-50%)

PANTELLERIA (TP) – Nel 2016, cala la produzione agricola, a Pantelleria, a causa della siccità e delle scarse precipitazioni, che non registravano un’incidenza così bassa dagli anni ‘80.
A farne le spese le eccellenze del territorio note in tutto il mondo: la produzione di capperi risulta dimezzata, l’uva registra un calo del 30% rispetto al 2015. è quanto emerso nel corso di “Passitaly”, la manifestazione enogastronomica di promozione dei prodotti tipici dell’Isola, al via da giovedì a Pantelleria. Non a caso il comune ha già avviato l’iter per il riconoscimento dello stato di calamità per i danni subitI dai produttori. “Quest’ anno a causa della siccità. la produzione di capperi ha subito un calo del 50% che andrà a incidere sul fatturato – dice Rosario Cappadona, responsabile commerciale della cooperativa agricola capperi di Pantelleria che raccoglie 200 soci produttori -.
In media a Pantelleria si producono 2 mila quintali di capperi, quest’anno la produzione si è attestata a quota mille quintali, con un calo del fatturato vicino al 50%”. “In Italia ogni anno – aggiunge – si producono 2.500 quintali di prodotto, circa 200-300 quintali a Salina, la restante parte in Puglia. In Italia il consumo è di circa 10 mila quintali.
Il 70% della produzione di capperi proviene da Pantelleria, che tra l’altro produce circa il 30% del fabbisogno nazionale”. “Era dagli anni’80 – aggiunge il presidente dell’ Unione Italiana Vini, Antonio Rallo – che a Pantelleria non si verificava un’annata così siccitosa. La produzione di uva ha subito un decremento medio del 30%. Sotto i 300 metri di altitudine abbiamo perso circa il 50% di vitigni.
Siamo preoccupati”. “Abbiamo già avviato l’iter – dice il vicesindaco di Pantelleria Angela Siragusa – per chiedere al ministero il riconoscimento dello stato di calamità per i danni subiti dai produttori”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684