Centrodestra, "No a premierato leghista" - QdS

Centrodestra, “No a premierato leghista”

Raffaella Pessina

Centrodestra, “No a premierato leghista”

giovedì 17 Novembre 2016 - 08:00
Centrodestra, “No a premierato leghista”

Micciché, commissario Fi Sicilia: “Sarebbe un regalo alla sinistra”. E al M5S. Aula ancora una volta deserta. Seduta rinviata a martedì

PALERMO – Aula sempre deserta all’Ars. Le sedute si susseguono senza concludere nulla di fatto a Palazzo dei Normanni, per assenza di deputati e Governo anche perché la visita del Premier Renzi in Sicilia ha dirottato le presenze dei politici.
Anche ieri infatti poche persone a Sala D’Ercole e qualche intervento dei pochi presenti tanto per non chiudere subito la seduta.
Sul problema delle infrastrutture è intanto intervenuto l’Ance che ha chiesto ai governi nazionale e regionale di impegnarsi affinché questo accordo tra il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio e l’assessore al ramo Giovanni Pistorio non faccia la fine di quelli degli anni passati. “Per questa ragione, e per il fatto che le imprese edili sono allo stremo, ora più che mai l’Ars si assuma la responsabilità di porre subito all’ordine del giorno di Sala d’Ercole e di approvare prima di Natale il disegno di legge del Governo Crocetta che impone alle stazioni appaltanti percorsi celeri per bandire e aggiudicare le opere finanziate”.
Prosegue intanto la vicenda delle presunte firme false del Movimento Cinquestelle. Giancarlo Cancelleri, deputato regionale siciliano del M5S, sentito dai pm nell’ambito della vicenda ha detto: “Aspettiamo i magistrati, l’avviso di conclusione dell’indagine sarà già un passo importante”. “Chi ha responsabilità – ha aggiunto – avrà delle conseguenze”. E ai cronisti che gli chiedevano se ci sarà un trattamento di favore per chi, come la parlamentare Claudia La Rocca, ha ammesso il suo coinvolgimento nella vicenda, ha spiegato: “non siamo un discount”. “La collega La Rocca – ha detto – ci ha informati che non aveva più intenzione di tenersi dentro quel che sapeva e che avrebbe parlato con i magistrati e noi siamo stati ben lieti della sua decisione”. Sono stati sentiti anche Giampiero Trizzino, Gianina Ciancio e Stefano Zito.
Gianfranco Miccichè, commissario di Forza Italia in Sicilia ha commentato le dichiarazioni di Berlusconi poiché da esse scaturisce una riflessione, “che è politica e non ha nulla di personale”. “Parisi – ha detto – che pure è persona misurata, ha sbagliato ad alzare i toni del dibattito, ma lo ha fatto in risposta a dei toni ancora più alti. Il problema qui è politico e credo si stia perdendo di vista l’obiettivo primario: riconsegnare al Paese una coalizione vincente, portatrice di un’autentica cultura di governo. Il problema non è Lega sì-Lega no. Salvini e la Lega sono assi portanti del centrodestra, per i valori che esprimono e per la vocazione al territorio che essi hanno. Ma è proprio questa loro territorialità a rendere non percorribile la strada di un premierato leghista”.
“Il Sud – ha continuato – nonostante la presenza della Lega nella coalizione, ha sempre votato per noi – aggiunge l’ex ministro – perché la gente si è sempre sentita tranquillizzata da un premier di garanzia, come fu ai tempi Berlusconi. Non è invece proponibile al Sud un premierato della Lega, il cui unico effetto sarebbe un regalo enorme alla sinistra, che raccoglierebbe per intero i voti moderati. Allo stesso modo, non sarebbe proponibile al Nord il premierato di una ipotetica Lega del Sud. È come se la Csu bavarese pretendesse il cancellierato: mancherebbe la garanzia di una piena rappresentanza nazionale”. “Il premierato di un territorio rispetto agli altri non è immaginabile; un territorio rappresentato in una più ampia coalizione di governo invece sì. Così come non è immaginabile una coalizione vincente che prescinda da una forte trazione moderata. Il mio appello è: abbassiamo i toni, atteniamoci allo schema vincente di una Lega partito alleato del Centrodestra e rivinciamo le elezioni”, conclude.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684