Firme false, sospetti su Regionali. Il M5S: "Provveduto a querele" - QdS

Firme false, sospetti su Regionali. Il M5S: “Provveduto a querele”

Raffaella Pessina

Firme false, sospetti su Regionali. Il M5S: “Provveduto a querele”

sabato 26 Novembre 2016 - 06:30
Firme false, sospetti su Regionali. Il M5S: “Provveduto a querele”

I deputati Ars sulle accuse di Miceli (Pd): “Tuteleremo la nostra immagine dalle menzogne”. E continuano: “I mastri della falsità si preparino ai risarcimenti”

PALERMO – I Cinquestelle si scagliano contro le dichiarazioni di Carmelo Miceli, segretario provinciale del Partito democratico di Palermo, che sospetta un caso di ‘firme false’ che riguarderebbe il M5S anche per le regionali del 2012, e addirittura per le politiche successive. I deputati regionali siciliani del Movimento annunciano di aver “già provveduto a dare mandato ai propri legali per denunciare chi impunemente ha diramato notizie infondate e promettono di fare lo stesso con chiunque dovesse continuare lungo questa scia”.
I deputati del M5S all’Ars intendono mettere definitivamente un punto ai “titoloni falsi e ai virgolettati fantascientifici” apparsi negli ultimi giorni. “Tuteleremo l’immagine del Movimento da queste menzogne, sia in sede civile che penale” – annunciano gli esponenti cinquestelle. E continuano: “I maestri della falsità si preparino a risarcirci”. “Non tollereremo più alcuna altra dichiarazione che metta in dubbio la legittimità delle tornate elettorali delle regionali 2012 e politiche 2013”.
Sulla vicenda, Rosario Crocetta ha detto di avere telefonato a Claudia La Rocca, la deputata regionale del M5S che si è presentata spontaneamente ai pm, che indagano sulle firme false per le comunali di quattro anni fa a Palermo, confermando la ricopiatura avvenuta nell’allora ufficio elettorale del Movimento, in via Sampolo. La Rocca si è poi auto-sospesa dal movimento. “Le ho detto che ho apprezzato il suo gesto – dice Crocetta -L’ho conosciuta in questi 4 anni di legislatura, la ritengo tra le migliori del gruppo “Non voglio fare polemiche con i Cinquestelle anche se loro mi attaccano su tutto. Aspettiamo l’esito delle indagini della magistratura, certo la sensazione è che i vertici del movimento stiano scaricando tutto sui due deputati regionali palermitani. Ritengo che se qualcuno ha falsificato le firme, ed è un reato grave, altri in alto non potevano non sapere”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684