Deficit in Sanità aumenta le tasse - QdS

Deficit in Sanità aumenta le tasse

Deficit in Sanità aumenta le tasse

martedì 08 Dicembre 2009 - 00:00

Riconfermato nel Patto per la Salute Stato-Regioni. Russo assicura: “Presto riduzione di Irap e Irpef”

PALERMO – “Se i risultati economici confermeranno le nostre previsioni, la Sicilia uscirà presto dal piano di Rientro e ridurrà le addizionali Irap e Irpef che in questi ultimi anni sono state imposte ai siciliani per coprire un deficit di quasi un miliardo di euro provocato da una spesa fuori controllo che oltretutto non ha prodotto una sanità efficiente”.
Lo ha affermato l’assessore regionale alla Sanità, Massimo Russo, a commento del Patto nazionale per la Salute che ha ribadito il principio secondo cui le Regioni che non riusciranno ad avere i conti in ordine saranno costrette ad aumentare le tasse ai propri concittadini per ripianare il disavanzo.
"È quello che è successo alla Sicilia negli ultimi anni – ha spiegato Russo – e che non succederà più a partire dal 2010 a condizione che si vada avanti con una rigorosa politica del controllo della spesa e di una adeguata distribuzione delle risorse. Non solo i siciliani non vedranno aumentare le tasse ma il governo regionale sta già lavorando alla riduzione delle attuali aliquote. è una sfida ancora più importante ed ancora più difficile rispetto a quella degli ultimi mesi. Nel 2010, usciti dal Piano di rientro, dovremo camminare con le nostre gambe e senza contare sul gettito di tasse aggiuntive che restituiremo ai cittadini. Dimostreremo, come hanno già fatto molte regioni del nord già alcuni anni fa, che si può riqualificare l’offerta sanitaria, aumentando i servizi per i cittadini e la qualità delle prestazioni, senza sprecare le risorse economiche. I risultati ottenuti in questi diciotto mesi confermano che abbiamo intrapreso la strada giusta, un percorso virtuoso dal quale non è più possibile tornare indietro, e che ha permesso anche alla Sicilia di conquistare in tutta Italia una grande credibilità politica e amministrativa”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684