Aumenta la raccolta dell'organico. Il Sud fermo a 70,2 kg pro capite - QdS

Aumenta la raccolta dell’organico. Il Sud fermo a 70,2 kg pro capite

redazione

Aumenta la raccolta dell’organico. Il Sud fermo a 70,2 kg pro capite

martedì 28 Marzo 2017 - 03:00
Aumenta la raccolta dell’organico. Il Sud fermo a 70,2 kg pro capite

Il Consorzio italiano compostatori ha pubblicato il rapporto sulla differenziata dell’umido. Lombardia in testa con 1,2 mln t l’anno. Campania prima regione del Sud

ROMA – Continua a crescere in Italia la raccolta dei rifiuti organici, cioè la frazione umida più quella verde composta da potature e sfalci. Nel 2015 la frazione organica raccolta ha raggiunto i 6 milioni di tonnellate, con un incremento del 6,1% su base annua che ha consentito di superare la soglia dei 100 kg per abitante.
Il dato è contenuto nel “rapporto annuale del biowaste” realizzato dal Consorzio italiano compostatori (Cic) elaborando il rapporto Rifiuti Ispra 2016. Stando all’analisi, nel 2015 dai 308 impianti italiani di trattamento della frazione organica sono stati ricavati 1,76 milioni di tonnellate di compost e 685 GW di energia.
Il volume d’affari generato dal biowaste è stato pari a 1,7 miliardi di euro, con 9 mila posti di lavoro. Dal rapporto emerge che l’umido si consolida come la componente principale dei rifiuti urbani raccolti, rappresentando il 43,3% della differenziata in Italia, seguito da carta e cartone (22,5%) e vetro (12,5%).
Secondo le stime del Cic, nel 2015 sono stati raccolti 4 milioni di tonnellate di umido, pari a circa 66 kg per abitante per anno, e oltre 2 milioni di tonnellate di verde, pari a circa 34 kg per abitante. Più virtuose le regioni del Nord Italia, con 122 kg procapite), rispetto al Centro (101,4 kg) e al Sud (70,2 kg).
A livello regionale, al primo posto per quantità di frazione organica raccolta si conferma la Lombardia con quasi 1,2 milioni di tonnellate annue, circa 60 mila in più rispetto all’anno precedente grazie anche all’entrata a regime della raccolta differenziata dell’umido a Milano. Seguono Emilia-Romagna, Veneto e Campania con circa 700 mila tonnellate ciascuna.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684