Cinque per mille, un meccanismo di finanziamento vitale per il volontariato - QdS

Cinque per mille, un meccanismo di finanziamento vitale per il volontariato

Redazione in collaborazione con Merid

Cinque per mille, un meccanismo di finanziamento vitale per il volontariato

venerdì 14 Aprile 2017 - 00:00
Cinque per mille, un meccanismo di finanziamento vitale per il volontariato

Quota dell’Irpef che lo Stato distribuisce al No profit

Si avvicinano le scadenze per le dichiarazioni dei redditi. E oltre alla preoccupazione di raccogliere scontrini, CUD, fatture… cominciano a piovere le richieste di destinazione del 5 per mille. Associazioni, istituzioni culturali, organizzazioni internazionali ti chiedono di scrivere il loro codice fiscale e una firma nell’apposita casella del modulo.
Ma cosa è il “5 per mille”? E’ la quota del gettito Irpef che lo Stato italiano distribuirà fra tutti gli enti no profit aderenti, in proporzione al numero di cittadini che opteranno per l’uno o per l’altro. Più contribuenti ti scelgono, maggiore è la quantità di 5 per mille che potrai ricevere dallo Stato. Per tante organizzazioni di volontariato che non hanno entrate e che si spendono gratuitamente per i più poveri, questo meccanismo di finanziamento risulta molto importante, se non addirittura vitale.
Va detto che per ciascuno di noi, destinare il 5 per mille non costa nulla in più. Sono tasse che comunque verseremo, solo che una loro piccola parte possiamo orientarla a favore di realtà sociali che stimiamo, conosciamo oppure riteniamo meritevoli di attenzione e sostegno.
Le modalità di destinazione sono semplici. Sul modulo della dichiarazione dei redditi vi è un’apposita sezione, in cui basta indicare codice fiscale dell’ente destinatario del nostro aiuto e apporre la nostra firma. Nel caso in cui non vi sia obbligo di consegnare la propria dichiarazione dei redditi, occorre comunque inviarla all’Agenzia delle Entrate affinché la scelta per il 5 per mille venga registrata.
Il CeSVoP, Centro di Servizi per il Volontariato della Sicilia occidentale, ti invita a destinare il tuo 5 per mille ad un’organizzazione di volontariato. Se non ne conosci e vuoi orientarti fra le tante associazioni delle province di Agrigento, Caltanissetta, Palermo e Trapani, il CeSVoP può darti informazioni chiamando lo 091331970 oppure scrivendo a info@cesvop.org.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684