Mafia: apre al pubblico il casolare dove fu ucciso Peppino Impastato - QdS

Mafia: apre al pubblico il casolare dove fu ucciso Peppino Impastato

redazione

Mafia: apre al pubblico il casolare dove fu ucciso Peppino Impastato

giovedì 04 Maggio 2017 - 03:00
Mafia: apre al pubblico il casolare dove fu ucciso Peppino Impastato

In occasione della commemorazione, da oggi al 9 maggio sarà possibile visitare il luogo simbolo. In programma anche una marcia da Radio Aut a Casa memoria

CINISI (PA) – L’assessore regionale dei Beni Culturali, Carlo Vermiglio, il dirigente generale del Dipartimento BB.CC.e I.S., Gaetano Pennino, il sindaco del Comune di Cinisi, Giangiacomo Palazzolo e Luisa Venuti, proprietaria del casolare dove venne ucciso Peppino Impastato nella notte tra l’8 e il 9 maggio 1978, hanno firmato un accordo per valorizzare e aprire al pubblico in occasione delle giornate commemorative dell’omicidio di Impastato un luogo simbolo della lotta contro la mafia.
Nel casolare rurale, già dichiarato di interesse culturale con Decreto di vincolo del 12 agosto 2014, sono previste da oggi al 9 maggio una serie di iniziative, in collaborazione con il Comune di Cinisi e l’associazione nazionale Polizia, sezione provinciale di Palermo, che garantiranno l’apertura e la fruizione del sito.
Il progetto è finalizzato a rilanciare la forte valenza della testimonianza della storia collettiva nella lotta alla mafia. Nel Casolare saranno affissi dei pannelli che illustrano la storia di Peppino Impastato e le motivazioni della dichiarazione di interesse culturale.
“È compito di questo assessorato – ha dichiarato Vermiglio – promuovere la cultura della legalità anche attraverso la memoria di fatti e persone che hanno contribuito con la propria vita a costruire una società libera dalla mafia. Per le giovani generazioni, presenti e future, questo luogo e la storia di Peppino Impastato rappresentano un indelebile esempio di legalità, coraggio e impegno etico. Questo è il senso delle iniziative che abbiamo fortemente voluto condividendo il progetto con altre istituzioni, il Comune di Cinisi e la proprietaria che ha dato la disponibilità del casolare”.
Il momento più rappresentativo della commemorazione sarà il presidio che si terrà il 9 maggio alle ore 10 presso il casolare e la marcia che, nel pomeriggio, partirà da Radio aut, l’emittente fondata da Peppino Impastato, per arrivare alla casa Memoria Impastato.
La sera, davanti alla Casa memoria verrà proiettato un filmato, realizzato dal Centro Regionale per la Catalogazione e la Documentazione dell’Assessorato dei Beni Culturali che racconta la storia dell’attivista siciliano attraverso la testimonianza del fratello Giovanni Impastato.
Il filmato verrà proposto per tutta la giornata del 9 all’aeroporto Falcone e Borsellino.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684