Pil, l'inganno delle percentuali - QdS

Pil, l’inganno delle percentuali

Patrizia Penna

Pil, l’inganno delle percentuali

martedì 28 Novembre 2017 - 06:00
Pil, l’inganno delle percentuali

Svimez: “Sud (+1%) cresce più del Centro-Nord (+0,8%)”, ma la crescita è stata rispettivamente di 4 e 10 mld. Ricchezza prodotta, un abisso separa le due Italie: 356 vs 1.211 mld di euro

Le parole sono pietre, si dice, ma anche con i numeri sarebbe opportuno non scherzare.
Quando si parla di Pil, entrano sempre in gioco le famigerate “percentuali” per cui l’impressione è che si possa dire tutto e il contrario di tutto.
Il Rapporto Svimez 2017 sull’economia del Mezzogiorno pubblicato lo scorso 7 novembre pone l’accento sulle performance di crescita del Sud Italia: “Il Mezzogiorno cresce più del Centro-Nord – si legge nel documento – per il secondo anno consecutivo: un risultato non scontato, anche perché fa seguito ad una crescita del 2015 che sembrava avesse tratti di eccezionalità, legata a fattori difficilmente ripetibili”.
La crescita a cui accenna il rapporto fa riferimento al prodotto interno lordo 2016 (a prezzi concatenati, valori di riferimento anno 2010) che nel Mezzogiorno ha conosciuto un incremento dell’1%.
“L’incremento – scrive ancora Svimez – è stato superiore di 0,2 punti a quello rilevato nel resto del Paese (0,8%), mentre l’anno precedente il divario a favore del Mezzogiorno era stato doppio (0,4%). L’economia delle regioni meridionali nel 2016 ha quindi consolidato la ripresa, contribuendo alla crescita del Pil nazionale in misura ben maggiore alla dimensione produttiva dell’area. Nel biennio 2015-16 il contributo meridionale alla crescita del Pil italiano è stato pari a quasi un terzo, a fronte di una quota sul Pil dell’area che vale meno di un quarto”.
La precisazione della Svimez sul valore della quota del Mezzogiorno sul Pil nazionale è più che opportuna perché se è vero da un lato che l’incremento percentuale del Sud è superiore a quello del Centro-Nord, dall’altro è altrettanto vero che la crescita è stata rispettivamente di quattro e dieci miliardi.
Gli incrementi percentuali, infatti, in realtà fanno riferimento a valori di partenza profondamente differenti: il Pil del Mezzogiorno vale 356 miliardi, quello del Centro-Nord 1.210 miliardi.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684