Un concorso per stabilizzare i collaboratori scolastici di Palermo - QdS

Un concorso per stabilizzare i collaboratori scolastici di Palermo

redazione

Un concorso per stabilizzare i collaboratori scolastici di Palermo

mercoledì 29 Novembre 2017 - 11:00
Un concorso per stabilizzare i collaboratori scolastici di Palermo

Dopo 20 anni gli ex Lsu del capoluogo potranno essere assunti grazie a un emendamento approvato dalla commissione Bilancio del Senato

PALERMO – Arriva un concorso ad hoc per stabilizzare, dopo circa 20 anni, i circa 500 collaboratori scolastici ex Lsu di Palermo. Lo prevede un emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio del Senato. Le nuove assunzioni potranno avvenire anche a tempo parziale e nei limiti di 3,5 milioni nel 2018 e 8,7 milioni a decorrere dal 2019. Chi non rientra sarà iscritto in apposito Albo da cui potranno attingere gli enti territoriali. In attesa del concorso, da bandire entro 60 giorni dall’entrata in vigore della manovra, i contratti sono prorogati fino ad agosto 2018.
Faraone: "Percorso di stabilizzazione che ho avviato io"
"Da sottosegretario al Miur prima e da esponente di governo adesso, anche se con delega diversa, non posso che essere soddisfatto per un percorso di stabilizzazione che ho avviato io e per la conclusione di una storia di precariato infinita che come governo abbiamo sempre considerato una vicenda che doveva concludersi e nel migliore dei modi. Questo successo e’ anche dei parlamentari siciliani e dell’amministrazione comunale di Palermo che ringrazio per l’impegno che hanno dimostrato in questi anni". Lo dice il sottosegretario alla Salute, Davide Faraone riferendosi alla misura della manovra di bilancio che prevede la stabilizzazione dei collaboratori scolastici di Palermo.
Uil: "Lunga e tenace battaglia"
"Dopo una lunga e tenace battaglia condotta dalla Uil Sicilia e dalla UilTemp, i collaboratori scolastici ex Lsu di Palermo, saranno finalmente stabilizzati. Per questi 500 lavoratori finisce, quindi, un calvario durato vent’anni". Commentano così i sindacalisti Gianni Borrelli e Danilo Borrelli l’emendamento alla manovra approvato dalla commissione Bilancio del Senato, che darà il via al concorso. E aggiungono: "Questo sindacato continuerà a monitorare la vicenda affinché il percorso sia legale e garantito".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684