Diagnosi più efficaci e in tempi rapidi per affrontare le malattie reumatiche - QdS

Diagnosi più efficaci e in tempi rapidi per affrontare le malattie reumatiche

redazione

Diagnosi più efficaci e in tempi rapidi per affrontare le malattie reumatiche

mercoledì 06 Dicembre 2017 - 01:00
Diagnosi più efficaci e in tempi rapidi per affrontare le malattie reumatiche

La società italiana di reumatologia ha lanciato in questi giorni la campagna nazionale itinerante denominata #ReumaDays

in collaborazione con ITALPRESS
ROMA – Subdole e silenziose, danneggiano a poco a poco le cartilagini e i tessuti circostanti e all’inizio non danno segni evidenti. Solo in un secondo momento si manifestano con forti dolori a cui seguono le prime difficoltà di movimento. Sono le malattie reumatiche e in Italia oltre 800 mila persone sono a rischio di invalidità a causa delle forme più gravi di patologie come artrite reumatoide, artriti sieronegative, spondilite o artrite psoriasica. Questo è dovuto anche alle troppe diagnosi che arrivano in ritardo e che quindi rendono le cure per il paziente meno efficaci. Nel caso delle spondiliti anchilosanti, dall’inizio dei sintomi alla diagnosi passano in media 7 anni. Per individuare la fibromialgia in media ci vogliono 5 anni e nei tre quarti dei casi inizialmente viene scambiata per un semplice mal di schiena.
Per aumentare il livello di conoscenza e consapevolezza su questi gravi disturbi all’apparato locomotore la Società italiana di reumatologia (Sir) ha lanciato la sua prima campagna nazionale itinerante, #ReumaDays. La Sir incontra dunque i cittadini e toccherà undici città della Penisola con info point nelle piazze in cui viene distribuito materiale informativo e dove i medici della Sir spiegano le principali malattie reumatiche e le più importanti terapie per contrastarle.
“Le malattie reumatiche – ha spiegato Mauro Galeazzi, presidente nazionale della Sir – colpiscono oltre 5 milioni di italiani e interessano una persona su tre dopo i 65 anni. Nonostante la loro grande diffusione, sono ancora sottovalutate e molti cittadini sono convinti che siano solo dei semplici dolori provocati dall’invecchiamento o dal clima. In realtà, si tratta di patologie che, oltre a minare seriamente la qualità della vita, possono essere potenzialmente mortali. Le connettiviti, per esempio, se non curate possono compromettere la funzione di organi e apparati vitali come cuore e cervello. Con #ReumaDays vogliamo favorire a 360° gradi la corretta informazione e insegnare quali sono i principali campanelli d’allarme da non sottovalutare”.
“Quelle reumatiche – ha sottolineato Luigi Di Matteo, vice presidente Sir – sono le patologie che comportano i maggiori costi sociali all’Inps dopo il cancro e le malattie cardiovascolari. Una delle patologie più gravi è senza dubbio l’artrite reumatoide che, se non curata, determina il 30% di invalidità entro cinque anni. Riesce a impattare in maniera significativa sulla vita sociale e lavorativa di una persona obbligando a cambiare radicalmente le proprie abitudini. È quindi fondamentale riuscire a mettere in guardia tutti i cittadini sui rischi che possono correre”.
Negli info point allestiti nelle varie città italiane i cittadini potranno ascoltare anche i consigli degli specialisti sulla prevenzione primaria delle malattie. “Gli stili di vita – ha spiegato Galeazzi – sono fondamentali anche in ambito reumatologico. È accertato da numerosi studi scientifici che il fumo è coinvolto nell’insorgenza dell’artrite reumatoide, del lupus e di altre malattie autoimmuni sistemiche. L’obesità è invece una condizione tipica di chi soffre di artrite psoriasica e aumenta il rischio di artrosi all’articolazioni”.
“Nel nostro Paese – ha concluso – alcuni comportamenti scorretti sono ancora troppo diffusi e, infatti, oltre 11 milioni di italiani sono tabagisti mentre il 45% degli adulti è in sovrappeso. Durante la campagna insegneremo anche le principali regole della salute che possono salvaguardare l’apparato muscolo-scheletrico e più in generale il nostro benessere”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684