Naufragio dei bambini, chiesto processo per due ufficiali della Marina - QdS

Naufragio dei bambini, chiesto processo per due ufficiali della Marina

redazione

Naufragio dei bambini, chiesto processo per due ufficiali della Marina

giovedì 14 Dicembre 2017 - 15:00
Naufragio dei bambini, chiesto processo per due ufficiali della Marina

L'ipotesi è che ci siano stati dei ritardi nell'intervento della nave italiana di soccorso, con un "buco" di 45 minuti prima della decisione 

LAMPEDUSA (AG) – La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio di Luca Lucciardi, ufficiale della Marina responsabile della Sala Operativa, e di Leopoldo Manna, capo della Centrale Operativa della Guardia Costiera, per il naufragio di una imbarcazione di siriani avvenuto l’11 ottobre 2013 al largo di Lampedusa, ma in acque maltesi, nel quale morirono circa 300 persone, tra cui molti bambini. Sono accusati di rifiuto di atti d’ufficio e di omicidio colposo per aver colpevolmente ritardato l’intervento della nave militare italiana Libra.
La richiesta di rinvio a giudizio, firmata dai pm Sergio Colaiocco e Santina Lionetti, è conseguenza del rigetto dell’archiviazione dell’inchiesta deciso dal gip Giovanni Giorgianni il 13 novembre scorso. Il magistrato, in particolare, ordinò l’imputazione coatta per Lucciardi e Manna e dispose ulteriori indagini in relazione alla posizione di Catia Pellegrino, comandante della Libra all’epoca dei fatti.
Il gip Bernadette Nicotra ha fissato la data del 16 febbraio prossimo per l’esame della richiesta di processo. La procura aveva inizialmente sollecitato l’archiviazione dell’inchiesta ritenendo che nessun illecito penalmente rilevante si potesse configurare dietro i presunti ritardi legati al naufragio. Diversa la lettura dei fatti da parte del gip secondo il quale ci fu un "buco" di circa 45 minuti nella decisione di intervento delle autorità italiane, così come sollecitato dai maltesi alla luce dell’intervenuto pericolo imminente di naufragio, che potrebbe essere stato determinante per la tragedia. La procura condivide ora questa impostazione tanto da aver chiesto il rinvio a giudizio dei due ufficiali.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684