Castelvetrano: la Polizia fa terra bruciata intorno a Matteo Messina Denaro - QdS

Castelvetrano: la Polizia fa terra bruciata intorno a Matteo Messina Denaro

redazione

Castelvetrano: la Polizia fa terra bruciata intorno a Matteo Messina Denaro

giovedì 14 Dicembre 2017 - 15:00
Castelvetrano: la Polizia fa terra bruciata intorno a Matteo Messina Denaro

Una maxi-operazione nel paese dell’ultimo padrino di Cosa nostra, con decine di perquisizioni nelle abitazioni del fiancheggiatori del capomafia

CASTELVETRANO (TP) – Una maxi-operazione per fare terra bruciata intorno al boss latitante Matteo Messina Denaro, proprio nel suo paese, con duecento agenti della Squadra Mobile di Palermo e dello Sco che hanno effettuato oggi decine di perquisizioni in tutta la zona. Il blitz è coordinato dalla dda di Palermo. Le perquisizioni hanno riguardato le abitazioni di una trentina di fiancheggiatori del capomafia, tutti indagati per favoreggiamento.
L’ultimo padrino di Cosa nostra: Matteo Messina Denaro, latitante dal 1993
Messina Denaro è latitante dall’estate del 1993, dopo gli attentati mafiosi a Roma, Firenze e Milano. Figlio del boss di Castelvetrano Francesco Messina Denaro, vicino ai corleonesi di Totò Riina, è l’ultimo padrino di Cosa nostra ricercato. Negli ultimi anni gli inquirenti gli hanno fatto terra bruciata attorno a lui arrestando familiari – come la sorella Patrizia e il cognato Vincenzo Panicola – e decine di fiancheggiatori.
Col blitz di oggi si continua a colpire chi aiuta il boss nella latitanza: per gli indagati infatti si profila il reato di procurata inosservanza della pena aggravato dall’agevolazione mafiosa. Gli agenti hanno perquisito case, masserie, magazzini nel territorio di Castelvetrano e in comuni vicini. Le indagini per la cattura del latitante sono coordinate dal procuratore di Palermo Francesco Lo Voi e dall’aggiunto Paolo Guido.
Il questore di Trapani: “La presenza dello Stato è costante”
"L’operazione di oggi rientra in un’attività più ampia iniziata i primi di dicembre a Castelvetrano. Una strategia per far sentire la presenza ancora più costante dello Stato su Messina Denaro e su quanti ne garantiscono la latitanza. Una maggiore pressione per cercare di raccogliere elementi utili alla cattura. Oggi sono state controllate anche diverse numerose attivita’ commerciali e imprenditoriali di persone che sono legate al capomafia". Lo dice il questore di Trapani, Maurizio Agricola, commentando l’operazione
"Quanto raccolto questa mattina – aggiunge il questore – è al vaglio della magistratura. Gli indagati sono 30: persone che, nel corso degli anni, sono state arrestate per mafia o che hanno avuto collegamenti e frequentazioni con appartenenti a Cosa nostra e che, storicamente, sono state in stretti rapporti con il latitante Matteo Messina Denaro. Ora la Direzione Distrettuale Antimafia di Palermo, su segnalazione della Polizia di Stato, li ha sottoposti a una nuova indagine".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684