Gela: quasi sfiduciato, il sindaco Messinese si aggrappa al dialogo - QdS

Gela: quasi sfiduciato, il sindaco Messinese si aggrappa al dialogo

redazione

Gela: quasi sfiduciato, il sindaco Messinese si aggrappa al dialogo

mercoledì 20 Dicembre 2017 - 17:00
Gela: quasi sfiduciato, il sindaco Messinese si aggrappa al dialogo

Due giorni prima della mozione in Consiglio comunale, che potrebbe portare alla fine dell'Amministrazione, il primo cittadino tenta di tessere nuovi rapporti e istituisce un assessore per i rapporti con la civica Assise

GELA (CL) – Il sindaco di Gela, Domenico Messinese (ex M5s), all’antivigilia dell’esame della mozione di sfiducia, presentata nei suoi confronti da 20 consiglieri su 30, ha aperto un canale di dialogo istituendo nella propria giunta-ter, di fresca formazione, una nuova delega, quella ai rapporti con il Consiglio comunale, che ha affidato al neo assessore, Maurizio Melfa.
Messinese (che non ha propri rappresentanti nell’assemblea elettiva) propone ai consiglieri un dialogo costante per concordare una scala di priorità dei problemi da affrontare e il tipo di soluzione da deliberare.
Un ramoscello d’ulivo, per alcuni, una "bandiera bianca" di resa, per altri, dopo due anni e mezzo di scontro muro contro muro tra Giunta e Consiglio comunale.
Messinese fu eletto nel giugno del 2015 (dopo un ballottaggio con Angelo Fasulo del Pd) sostenuto dalla lista del M5s, che però lo "licenzio’" 6 mesi dopo, su decisione di Beppe Grillo, perché non aveva tagliato la propria indennità di sindaco, perché non aveva rigettato il protocollo d’intesa con l’Eni per la riconversione green della raffineria e per avere affidato incarichi pubblici retribuiti ad alcuni suoi fedelissimi.
Venerdi potrebbe essere la sua "giornata di passione", con il conseguente scioglimento del Consiglio comunale. Si tornerebbe a votare nella prossima tornata elettorale in primavera tra aprile e giugno, dopo pochi mesi di commissariamento.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684