Fisco, sequestro di beni possibile con volontà di ridurre patrimonio - QdS

Fisco, sequestro di beni possibile con volontà di ridurre patrimonio

redazione

Fisco, sequestro di beni possibile con volontà di ridurre patrimonio

mercoledì 14 Febbraio 2018 - 10:00
Fisco, sequestro di beni possibile con volontà di ridurre patrimonio

Sentenza della Commissione tributaria provinciale di Lecce. Servono prove documentali del pericolo di pauperamento del debitore

LECCE – Con un’interessante sentenza dei giorni scorsi, la Commissione Tributaria Provinciale di Lecce – Sezione 1 – in accoglimento delle eccezioni di diritto e di merito formulate dall’avvocato Maurizio Villani difensore di un contribuente, ha rigettato l’istanza di misure cautelari ad una ditta individuale chiesta dall’Agenzia delle Entrate di Lecce per l’esorbitante importo di € 8.096.402.
In sostanza, i giudici leccesi hanno rigettato la richiesta di misure cautelari, ai sensi dell’art. 22, comma 4, D.Lgs. n. 472/1997, sia perché il contribuente con copiosa documentazione ha contestato le riprese fiscali dell’Agenzia delle Entrate e sia perché non è stato dimostrato il reale pericolo di depauperamento del patrimonio del debitore.
Infatti, la limitata capacità patrimoniale del debitore, segnatamente riferita al patrimonio immobiliare, non risulta affiancata dalla prova di alcun concreto elemento indicativo della volontà del debitore di depauperare il proprio patrimonio immobiliare. In definitiva, per richiedere le misure cautelari, che rappresentano una grave menomazione del patrimonio del debitore, gli uffici fiscali devono supportare con prove certe e documentali la reale volontà del contribuente di ridurre sensibilmente il proprio patrimonio immobiliare.
In difetto di tale prova documentale, come nella fattispecie esaminata dalla corte salentina, correttamente i giudici fiscali rigettano le richieste degli uffici.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684