Patto per il Sud: già 72 progetti finanziati su 360 - QdS

Patto per il Sud: già 72 progetti finanziati su 360

redazione

Patto per il Sud: già 72 progetti finanziati su 360

mercoledì 04 Aprile 2018 - 13:30
Patto per il Sud: già 72 progetti finanziati su 360

Il presidente della Regione Musumeci ha annunciato un "Catasto delle strade" e ha convocato un vertice a Enna. Un altro incontro con i dirigenti dell'Anas per fare il punto sui cantieri aperti, su quelli da aprire per progetti già finanziati e per opere da programmare è stato convocato per venerdì prossimo a Palazzo d'Orleans

"Abbiamo fatto una verifica dei progetti inseriti nel ‘Patto per il Sud’. Su una disponibilità di 299 milioni di euro sono 360 i progetti, più della metà riguardano i Comuni per opere nell’area urbana (163 mln) che dovranno coprire 219 progetti, di questi 72 già finanziati e 36 ascrivibili al nostro governo".
A fornire il quadro della situazione sono stati il presidente della Regione Nello Musumeci e l’assessore alle Infrastrutture, Marco Falcone, in una conferenza stampa nel Palazzo d’Orleans, alla presenza del dirigente del dipartimento Fulvio Bellomo e della presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giusi Savarino.
"Interveniamo anche per gli enti di culto per la salvaguardia del bene monumentale o per creare strutture come oratori e altro, con 76 milioni di euro per 119 progetti, di questi 30 già finanziati – ha detto Musumeci – La giunta è già intervenuta definendo luoghi di culto quelli che riguardano tutte le religioni presenti nell’isola, quindi non solo le chiese cattoliche".
Per i presidi di legalità sono disponibili 60 milioni, 18 i progetti disponibili di cui 6 già finanziati, tra questi la Cittadella di Catania per 40 milioni.
"Stiamo continuando a lavorare per la riqualificazione della rete viaria, pensiamo di poter destinare 2 mln per il catasto delle strade siciliane in modo da avere una banca dati completa e aggiornata sullo stato di salute delle principali arterie dell’isola, le strade statali e quelle provinciali – ha evidenziato Musumeci – E’ un lavoro che richiederà oltre un anno di tempo, sarà affidato alla Protezione civile, alla fine avremo un quadro completo per capire su quali arterie bisogna intervenire e con quale tempistica. Per realizzare il catasto metteremo assieme assessorato Infrastruttura, struttura per il dissesto idrogeologico, la protezione civile e i nove liberi consorzi. Esiste già una mappatura delle arterie ma non una verifica della vulnerabilità delle strade, evidenzieremo i ponti, i viadotti che in caso di eventi sismici potrebbero non reggere. Le risorse saranno quantificate in funzione della totale disponibilità dei fondi".
Musumeci ha anticipato che lunedì mattina sarà a Enna, "che è la provincia che presenta il maggiore degrado nella viabilità statale e provinciale".
All’incontro saranno presenti, oltre al presidente Musumeci e all’assessore Falcone, il direttore dell’Anas, il capo della protezione civile regionale, il soggetto attuatore della struttura per il dissesto Maurizio Croce, il prefetto di Enna e il commissario del libero consorzio.
Intanto un vertice con i dirigenti dell’Anas per fare il punto sui cantieri aperti, su quelli da aprire per progetti già finanziati e per opere da programmare è stato convocato dal presidente della Regione, Nello Musumeci.
L’incontro è in programma venerdì prossimo a Palazzo d’Orleans.
"Non siamo stati teneri con Anas – ha detto Musumeci in conferenza stampa – dicendo che la Sicilia merita più attenzione".
La presidente della commissione Ambiente dell’Ars, Giusi Savarino, ha evidenziato che "per la Sicilia l’Anas ha pianificato investimenti per 3 miliardi di euro".
"La Sicilia non ha bisogno di nuove strade ma di riqualificare e ammodernare quelle esistenti", ha aggiunto Musumeci.
Savarino ha ricordato che per la Palermo-Catania l’Anas ha stanziato 800 milioni di euro "per la ristrutturazione dell’arteria e si procederà per lotti".
Per ridurre i disagi sulla Palermo-Agrigento, piena di cantieri, Savarino ha spiegato che "sono stati finanziati due bivi".
"L’errore in questa strada – ha detto Savarino – è aprire un cantieri unico lungo i 38 km, invece di procedere per lotti. Purtroppo stiamo intervenendo su errori fatti nel passato".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684