Agromafie: con 21,8 miliardi di euro, cancro del Made in Italy - QdS

Agromafie: con 21,8 miliardi di euro, cancro del Made in Italy

redazione

Agromafie: con 21,8 miliardi di euro, cancro del Made in Italy

martedì 10 Aprile 2018 - 08:00
Agromafie: con 21,8 miliardi di euro, cancro del Made in Italy

Coldiretti rivela che il volume d'affari delle mafie in agricoltura è balzato in avanti del 30%. Proprio ieri l'arresto a Palermo di uno dei boss che imponevano l'acquisto carni ai supermercati

Si estende il cancro del food and beverage Made in Italy: le agromafie.
La Coldiretti ha reso noto infatti che il volume d’affari delle agromafie è salito a 21,8 miliardi di euro con un balzo del 30% nel 2017. L’attività riguarda l’intera filiera del cibo: produzione, trasporto, distribuzione e vendita.
E proprio ieri a Palermo è stato notificato in carcere un provvedimento d’arrestato a Pietro Formoso, fratello di due mafiosi coinvolti nella strage del ’93 a Milano, che si occupava degli affari della "famiglia" di Misilmeri: compravendita di gioielli, spaccio di droga, estorsioni, ma soprattutto vendita di carni ai supermercati.
Formoso faceva in modo che sui banconi dei supermercati di Palermo e provincia arrivasse la carne di un’azienda a lui vicina e a prezzi superiori a quelli di mercato.
Formoso è accusato di associazione mafiosa e, come detto, si trovava già in carcere per traffico di droga.
"Le mafie – ricorda Coldiretti – controllano intere catene di supermercati, l’esportazione delnostro vero o falso Made in Italy, la creazione all’estero di centrali di produzione dell’Italian sounding e lo sviluppo ex novo di reti di smercio al minuto. Così soffocal’imprenditoria onesta, compromettendo anche la qualità e la sicurezza dei prodotti".

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta

Registrazione n. 552 del 18-9-1980 Tribunale di Catania
Iscrizione al R.O.C. n. 6590


Ediservice s.r.l. 95126 Catania - Via Principe Nicola, 22

P.IVA: 01153210875 - Cciaa Catania n. 01153210875


SERVIZIO ABBONAMENTI:
servizioabbonamenti@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/372217

DIREZIONE VENDITE - Pubblicità locale, regionale e nazionale:
direzionevendite@quotidianodisicilia.it
Tel. 095/388268-095/383691 - Fax 095/7221147

AMMINISTRAZIONE, CLIENTI E FORNITORI
amministrazione@quotidianodisicilia.it
PEC: ediservicesrl@legalmail.it
Tel. 095/7222550- Fax 095/7374001

Direttore responsabile: Carlo Alberto Tregua direttore@quotidianodisicilia.it

Raffaella Tregua (vicedirettore)
vicedirettore@quotidianodisicilia.it

Dario Raffaele (redattore)
draffaele@quotidianodisicilia.it

Carmelo Lazzaro Danzuso (redattore)
clazzaro@quotidianodisicilia.it

Patrizia Penna (redattore)
ppenna@quotidianodisicilia.it

Antonio Leo (redattore)
aleo@quotidianodisicilia.it

redazione@quotidianodisicilia.it

Telefono 095.372684